Notte di fuoco a Gaza e altri razzi di Hamas, ma si aprono spiragli per il cessate il fuoco

·3 minuto per la lettura

AGI - E' stata una nuova notte di fuoco a Gaza con una serie di raid israeliani, ma meno intensi rispetto ai giorni scorsi e accompagnati da una pausa di sei ore nel lancio di razzi palestinesi

Sembra essere l'indicazione di uno spiraglio per il cessate il fuoco a cui sta lavorando l'Egitto e che potrebbe concretizzarsi entro giovedì. Tuttavia nel corso della giornata, Hamas ha ripreso le ostilità. Almeno 10 persone sono rimaste ferite, quattro delle quali in maniera grave, in una raffica di colpi mortaio lanciati dalla Striscia di Gaza e caduti nella regione di Eshkol, nel sud di Israele. Inoltre, due lavoratori stranieri sono stati uccisi da razzi nei pressi del confine con la Striscia di Gaza. Nell'attacco, una persona è rimasta gravemente ferita e altre cinque in maniera meno seria. 

Il pressing leggero di Biden

Una cessazione delle ostilità è stata chiesta anche dal presidente Usa, Joe Biden, pressato in patria dall'ala 'liberal' dei democratici che gli contesta anche il 'via libera' alla vendita per di armi di precisione (tra cui bombe a guida laser dall'impatto devastante) per 735 milioni di dollari.         

Biden non ha chiesto la fine immediata dei combattimenti, ma una tregua: ha sostanzialmente detto al premier, Benjamin Netanyahu, con cui ha parlato lunedì sera, che il tempo per l'operazione a Gaza sta per scadere. Gli israeliani sembrano intenzionati ad andare avanti ancora per 24/48 ore: hanno fatto sapere di aver distrutto nella notte altri 15 chilometri di tunnel sotterranei e che sono già stati eliminati "150 terroristi". L'esercito ha ribadito che dovrà colpire ancora i vertici di Hamas con altri raid per "almeno due giorni", poi potrebbe fermarsi. 

Due giorni per la tregua

I negoziati egiziani per mediare un cessate il fuoco tra Israele e i palestinesi a Gaza "sono vicini" a un risultato, ha riferito una fonte diplomatica alla stampa israeliana, sostenendo che una tregua dovrebbe essere siglata in "due giorni al massimo". 

Per ora, comunque, il martellamento continua, e anche il lancio dei razzi: ancora stamane un'intensa 'grandinata' nel sud di Israele. Tshahal, l'esercito con la stella di David, ha fatto sapere di aver colpito obiettivi "terroristici" e di aver preso di mira ancora una volta la 'metro', la rete di tunnel sotterranea a Gaza City e Khan Younis.

Meno razzi

I palestinesi avevano lanciato razzi verso Israele nella serata, ma senza ulteriori attacchi fino all'alba, quando gli allarmi delle sirene sono tornati a suonare nelle comunità vicino a Gaza e nella città di Netivot. In totale, nell'arco dell'intera notte, ne sono stati lanciati 90, di cui Iron Dome ne ha intercettati "decine".

All'alba, Idf, l'esercito israeliano, ha reso noto di aver colpito almeno una decina di lanciarazzi multipli, tra i quali sei che erano puntati verso Tel Aviv (oltre 65 quelli neutralizzati dall'inizio delle ostilità) e di aver distrutto altri 15 chilometri di tunnel sotterranei tra Gaza city e Khan Younis: è il quarto round di 'martellamento' sulla cosiddetta 'metro', la rete di galleria scavata dai miliziani palestinesi di cui Tsahal sostiene di aver giù distrutto un centinaio di chilometri.

Nella notte hanno volato su Gaza 60 caccia, che hanno sganciato oltre 100 bombe su 65 obiettivi. Insomma, per adesso, il martellamento non si ferma, ma una tregua forse si avvicina.