Notte Taranta, Melozzi: politici rilancino spettacolo. Come sport

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 27 ago. (askanews) - Liberazione, coraggio e confronto: sono le tre parole chiave della Notte della Taranta, in scena a a Melpignano (provincia di Lecce) sabato 28 agosto, per Enrico Melozzi, Maestro concertatore della 24esima edizione della Notte della Taranta (e direttore artistico dei Maneskin a Sanremo).

"Liberazione - ha spiegato alla conferenza stampa di presentazione del Festival che quest'anno apre le porte a mille spettatori - perché suonare insieme a un'orchestra così bella dopo questo periodo difficile, é una liberazione dell'anima".

La seconda parola è "coraggio". "É la componente che in questa fase storica - ha detto Melozzi - serve a un artista e forse servirebbe anche ai politici". Dal maestro concertatore un duro attacco alla politica. "Ho sofferto tantissimo nel vedere i festeggiamenti per gli europei con centinaia di migliaia di persone assembrate, in maniera selvaggia, giustificata anche dai politici che alzavano la coppa, e poi dover vedere dei concerti e delle esperienze rivolte a un pubblico tra i più educati che abbiamo, contingentato, recintato. E' un dolore, veramente non riesco a contenere e a tacere davanti a questa ingiustizia", ha concluso Melozzi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli