Nove giorni per ridisegnare Roma: ecco il Festival dell’Architettura

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 mag. (askanews) - Nove giorni per ridisegnare la città: dall'11 al 19 giugno - organizzato dall'Ordine degli architetti di Roma e provincia, con il patrocinio del Comune di Roma e della Città Metropolitana di Roma Capitale, della Regione Lazio, delle università Roma Tre e Sapienza, del Coni e del comitato italiano Paralimpico - torna il Festival dell'Architettura di Roma (Far) si sposta tra i quartieri per riconquistare spazi dimenticati e progettare nuovi cambiamenti della Capitale. Una rassegna diffusa, dedicata alle trasformazioni urbane e sociali, per capire come l'architettura possa coniugare crescita, sostenibilità e socialità. Presentato oggi, dal direttore generale dell'università Roma Tre Pasquale Basilicata, dal presidente dell'ordine degli Architetti di Roma Alessandro Panci, dalla direttrice del Festival Alice Buzzone, dagli assessori di Roma Capitale all'Urbanistica, Maurizio Veloccia e al Patrimonio e alle Politiche abitative, Tobia Zevi e dai presidenti dei Municipi I e VIII Lorenza Bonaccorsi e Amedeo Ciaccheri, il Far, giunto alla quarta edizione, si rinnova e organizza un ricco calendario di eventi che spaziano dalle conferenze ai workshop, dalle performances alla cultura, con appuntamenti distribuiti in alcuni dei punti più significativi della rigenerazione di Roma. In questo spirito è stata organizzata anche l'apertura al pubblico del nuovo Rettorato dell'università Roma Tre del quartiere Ostiense in occasione della conferenza stampa di presentazione di oggi. L'opera avveniristica disegnata dall'architetto Mario Cucinella, e realizzata dal Gruppo Cam, dialoga con lo spazio urbano attraverso tre torri di forma ellittica che si snodano in verticale, e si estende su più di 25mila metri quadrati tra superficie fuori terra e interrata. Ampie aree e grandi vetrate pensate per includere e mettere in comunicazione gli spazi e ridisegnare l'area Ostiense-Marconi-Garbatella.

Il direttore generale dell'Ateneo, Pasquale Basilicata, ha lanciato un appello: "L'ultimo accordo di programma siglato da Roma Tre con Roma Capitale, la Provincia e la Regione Lazio risale ormai a quasi vent'anni fa, è tempo di procedere alla stesura di un nuovo accordo che riprenda il tema della programmazione e della riqualificazione urbana di questo quadrante". Quartier generale della kermesse è la sede della Casa dell'architettura all'Esquilino, dove si concentreranno i talk della mattina - tra istituzioni, nomi della cultura e del sociale -, le conferenze di architettura del pomeriggio e le serate di spettacolo. L'ingresso è libero e gratuito. Programma ricco anche nel quartiere Ostiense che si sposta dal parco Schuster, in collaborazione con l'associazione Remuria dell'Estate romana, alle Industrie fluviali passando per Cogeco, Talent Garden, Eataly, Wpp Campus e Cam, partner locali delle city talk.

Per condividere luoghi e spazi attorno alle installazioni che gli architetti ospiti lasceranno in dono negli spazi pubblici della città, ogni giorno sono previsti pranzi di quartiere, mentre per coinvolgere sia i professionisti sia i cittadini si ragionerà di sostenibilità e di trasformazioni urbane. Tra gli ospiti dal mondo dell'architettura e del design ci saranno: Mario Botta, Massimo Alvisi, Marlon Blackwell - Gold Medal AIA, Alessandra Covini di Studio Ossidiana, Chiara Alessi, Cino Zucchi, Mad Architects.

"Tra architettura e rigenerazione urbana, si intrecceranno dialoghi, confronti e visioni per la Capitale del futuro - spiega Alessandro Panci, presidente dell'Ordine degli Architetti di Roma e provincia - Voci autorevoli, esperti provenienti da diverse latitudini si interrogheranno su quali strategie di intervento e quali possibili trasformazioni mettere in campo per la città di domani, perché sia pronta a cogliere le opportunità e affrontare le sfide che, tra investimenti, grandi eventi sportivi, Giubileo e candidatura all'Expo 2030, si appresta ad affrontare".

Il Festival "è un ecosistema culturale in evoluzione e, da quest'anno, diventa sempre più patrimonio della città valicando i confini della Casa dell'architettura - ha sottolineato Alice Buzzone, direttrice del FAR - L'architettura è politica, ha un importante ruolo sociale e può migliorare la qualità della vita. È necessario non solo dibattere ma fare, sviluppare strategie insieme a Roma Capitale per innovare l'urbanistica".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli