Nubifragi in mezza Italia: 2 feriti a Verbania. Un disperso in Sardegna

Verbania, 26 ago. (Adnkronos/Ign) - Puntuale, come annunciato, è arrivato il maltempo che da sabato sera ha investito l'Italia settentrionale. Un violento nubifragio si è abbattuto su Verbania, in Piemonte, provocando il ferimento di due persone in un campeggio. Il personale del 118 è intervenuto dopo la segnalazione di alberi crollati su alcune roulotte. Due persone sono state soccorse in condizioni di media gravità, una è stata poi trasportata in ospedale a Novara. Altre due persone sono rimaste ferite ma in maniera lieve.

Yahoo Notizie - Tromba d'aria a Ostia, e non solo

Il nubifragio a Verbania



Temporali anche su altre regioni del Nord. In Liguria Beatrice si è scatenata causando a Imperia e Sanremo black out elettrici e incendi provocati dai fulmini. Investite dagli acquazzoni anche ampie zone del Centro. E sulla costa occidentale della Sardegna in mattinata il maestrale ha colto di sorpresa un gruppo di canoisti nel mare di Porto Alabe: ci sarebbe un disperso. Scattate subito le operazioni di soccorso della Guardia Costiera di Bosa, del gruppo formato da 24 canoisti che stavano partecipando ad una regata, ne mancherebbe uno all'appello.

''Forti temporali interesseranno fino a lunedì mattina le regioni adriatiche, poi l'alta pressione tornerà ad abbracciare tutta l'Italia'', questo il verdetto del direttore di 3bmeteo.com Sergio Brivio. A dire il vero la perturbazione non ha colpito tutti in modo deciso, molte province della Lombardia e della Liguria sono rimaste a secco o quasi.

''Gli impulsi instabili estivi infatti non sono generalmente strutturati in modo omogeneo come le grandi perturbazioni atlantiche autunnali, che distribuiscono le piogge diffusamente, bensì originano fenomeni che per quanto violenti risultano irregolarmente distribuiti. Per tale motivo conoscere in anticipo l'esatto collocamento di un nubifragio risulta ad oggi ancora molto difficile. Un esempio? L'ultimo peggioramento a Genova città ha portato solo 1 mm di pioggia, mentre sui settori montuosi della provincia si sono raggiunti i 20mm.''

Da martedì tornerà il caldo, ma per poco: entro il weekend in arrivo la vera rottura estiva. ''Ma si tratterà di una toccata e fuga e il caldo presto tornerà'' prosegue Brivio di 3bmeteo.com. ''Già da martedì e sino a fine mese tornerà l'anticiclone africano; le temperature subiranno un nuovo aumento. Il picco del caldo previsto al Sud tra giovedì e venerdì, con punte di 36/38 gradi.

Ma il caldo questa volta durerà poco: secondo 3bmeteo, infatti, tra il 31 agosto e il 1 settembre si potrebbe concretizzare un cambiamento più incisivo, con l'ingresso di aria fresca direttamente dalla Scandinavia, che porterà temporali sparsi su gran parte dello Stivale e un calo delle temperature più sensibile e generalizzato: anche di 10 gradi''.

Ma poi l'estate riprenderà, seppure su canoni meno bollenti. L'esperto è convinto che ''settembre indosserà ancora i panni estivi, ma non raggiungeremo il caldo eccezionale e prolungato che ha caratterizzato questo mese di agosto. Anzi il Centronord Italia vedrà qualche passaggio temporalesco in più, fanno sapere da 3bmeteo.com, ''con termometri che oscilleranno dal caldo a temporanee fasi più fresche. Per il Sud invece si profilano altre ondate di calore, sebbene non della stessa intensità dei giorni scorsi".

Coldiretti benedice la pioggia ma lancia l'allarme grandine. "La pioggia è importante per dissetare i campi resi aridi dalla siccittà - sottolinea l'associazione - ma per essere utile deve cadere in modo costante e leggero mentre i forti temporali, soprattutto se accompagnati da grandine, aggravano i danni".

"Se le precipitazioni sono intense i terreni secchi - spiega la Coldiretti - non riescono ad assorbire l'acqua che cade violentemente e tende ad allontanarsi per scorrimento con il pericolo di frane e smottamenti mentre la grandine provoca danni irreparabili alle colture in campo come le uve pronte per la vendemmia".

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno