Nucleare, Arera: "Italia non può più permettersi di accumulare ritardi su decommissioning"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 set. (Adnkronos) – "L’Italia non può più permettersi di accumulare ritardi": "il decommissioning e l’individuazione del sito per la realizzazione di un deposito nazionale di rifiuti radioattivi (finalmente avviatosi in questi mesi dopo anni di ritardi e titubanze) non possono aspettare". Ad affermarlo è il presidente dell'Arera, Stefano Besseghini nel corso della sua relazione annuale alla Camera sullo Stato di servizi e sull'attività svolta dall'Autorità.

"Perdere tempo – sottolinea – significherebbe caricare le future generazioni di costi economici e ambientali inaccettabili. L’Autorità grazie anche al supporto del Nucleo speciale beni e servizi della Guardia di Finanza è impegnata a vigilare sui costi e la nuova regolazione prevede l’attivazione di meccanismi di salvaguardia a tutela dei clienti finali per evitare che eventuali nuovi ritardi abbiano un effetto in bolletta".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli