I numeri delle terapie intensive sono in crescita

·2 minuto per la lettura
Agenas
Agenas

Il monitoraggio dell’Agenas ha svelato che i numeri delle terapie intensive sono in crescita in nove regioni e le aree mediche sono piene al 24%.

Agenas, terapie intensive salgono in nove regioni: aree mediche piene al 24%

La pandemia di Covid in Italia continua senza sosta e la pressione sulle strutture ospedaliere italiane continua ad aumentare. Il monitoraggio dell’Agenas, agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, ha svelato che l’occupazione dei posti letto da parte delle persone positive al Covid ha raggiunto il 24%. Lo hanno svelato i dati del 9 gennaio.

Agenas, terapie intensive salgono in nove regioni: i ricoveri in area medica

I numeri sono in aumento in 13 regioni, in sole 24 ore. Si tratta di Valle d’Aosta, al 45%, Calabria, al 36%, Piemonte, Sicilia e Umbria, al 30%, Lombardia, al 28%, Friuli Venezia Giulia, al 27%, Lazio e Campania, al 23%, Abruzzo, al 22%, Toscana, al 21%, Molise e provincia autonoma di Bolzano, al 16%. Rimangono stabili sopra la soglia del 15% Marche, al 25%, Veneto, al 23%, Emilia Romagna, al 21%, provincia autonoma di Trento, al 20%, Basilicata, al 19% e Puglia, al 16%. L’unica regione al momento sotto la soglia è la Sardegna, al 12%. Per quanto riguarda la Liguria, il valore è al 36%, ma è in calo.

Agenas, terapie intensive salgono in nove regioni: i ricoveri in terapia intensiva

Sono in aumento anche i numeri della terapia intensiva, che in tutta Italia vede il 17% dei posti occupati. Una percentuale che il 24 dicembre era all’11%. I numeri sono aumentati in 24 ore in 9 regioni: provincia autonoma di Trento, al 29%, Lazio, Friuli Venezia Giulia, Liguria e Veneto al 21%, Calabria, al 18%, Emilia Romagna, al 17%, Lombardia, al 16% e Umbria, al 15%. Le regioni stabili ma sopra la soglia sono il Piemonte, al 23%, Toscana, al 20%, Valle d’Aosta, al 18%, Sicilia, al 16%, Abruzzo, al 15%, Sardegna, al 12% e Campania, all’11%. I numeri sono in calo nelle Marche, al 21%, nella provincia autonoma di Bolzano, al 18%, in Basilicata, al 3%, in Molise, al 5% e in Puglia, all’8%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli