Numero telefonico: come scoprire il gestore

operatore telefonico

Nell’eventualità in cui si intenda valorizzare al meglio le numerose offerte messe a punto da diversi operatori telefonici, magari aventi ad oggetto minuti illimitati verso determinate compagnie, cosa buona e giusta è sapere di quale gestore fruiscono i propri interlocutori, calibrando in questo modo le proprie esigenze con tali fattori. Se è vero che sono ormai lontani i tempi in cui per cambiare un operatore bisognava necessariamente variare anche il proprio numero, è altrettanto vero che per effettuare tale cambio attualmente saranno sufficienti pochi minuti senza diventare vittime di alcune spiacevoli seccature.

I diversi operatori telefonici

Ad onore del vero, c’è da dire che fino a qualche anno fa ad determinato prefisso corrispondeva un operatore, per cui si rimaneva sempre a comunque a conoscenza del gestore ai quali appartenevano i contatti clienti familiari o amici. Premesso ciò, esiste un modo per sapere quando ed in che modo un parente un collega di lavoro o un semplice conoscente abbia cambiato operatore? Quali sono le modalità per sapere se l’offerta di cui si usufruisce è adatta ad essere utilizzata parlando ore ed ore con una persona. La risposta non può che essere affermativa, ed assume le sembianze di un termine ben delineato: trasparenza tariffaria. In parole povere, si tratta di un servizio che, per mezzo di codice telefonico, conferirà l’opportunità di scoprire su quale operatore è stato trasferito un numero. Non vi sono costi per codesto servizio, il quale viene messo a disposizione dalla stragrande maggioranza dei gestori attualmente operanti. L’unica differenza peculiare sta nel fatto che, se vi sono alcuni operatori che comunicano esclusivamente il legame di numero verso la propria rete, ve ne sono altri che invece tendono a specificare nel particolare il gestore.

Tim

Per i clienti Tim, esistono tre diverse metodologie con l’aiuto delle quali perfezionare questa operazione; la prima modalità è quella di digitare il numero del quale si vuol entrare a conoscenza del gestore, immettendo successivamente il codice a tre cifre “456”. Il servizio è gratis e la voce comunicherà le informazioni richieste nel giro di alcuni minuti. Se il tempo a disposizione è poco e si cerca uno stratagemma con il quale fare più in fretta, si può optare per il classico ed immancabile SMS. In questo caso, bisognerà inviare un messaggio al destinatario 456 e nel testo riportare la dicitura “info” seguito dal numero di telefono da analizzare. La terza modalità, la più veloce per distacco, consiste nel connettersi ad un’apposita pagina web, chiamata “verifica numero Tim“, inserendo nella sezione sottostante un codice di sicurezza ed il numero di telefono.

Vodafone

Vodafone, diversamente da Tim, prevede soltanto due opzioni fattibili, riassumibili nella maniera che segue:

  • la prima opzione è del tutto analoga a quella prevista nell’insieme di servizi Tim. Sarà sufficiente far seguire 456 al numero telefonico di cui sapere il gestore, digitare l’insieme in tastiera ed aspettare che la voce fornica l’informazione. Vodafone, al contrario di Tim, dirà esclusivamente se si è in presenza di un proprio numero o meno;
  • anche la seconda variante, quella per la quale ci si può servire di un comodo SMS, è pressoché identica a quella Tim. L’SMS deve essere inviato al numero 456, anteponendo la dicitura “info” al numero da controllare. Arriverà un SMS di risposta che dirà se il contatto in questione è Vodafone oppure no.

Wind/Tre

Questi gestori prevedono una funzione aggiuntiva a quella della chiamata diretta. Si potrà infatti scoprire se un numero appartiene o meno a tale gestore utilizzando la linea fissa casalinga Infostrada. Il procedimento non differisce di molto, visto che al 457 va aggiunto il prefisso 1088. Ricapitolando, prima di immettere il numero vanno uniti il codice a tre cifre ed il 1088, andando così a comporre il 1088456, seguito dal numero di telefono da prendere in esame.