Nuotatore maltese da record, 52 ore e 125 km nel Mediterraneo

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Un atleta maltese e attivista contro l'inquinamento ha nuotato per i libri dei record, avendo completato una nuotata di 125,6 chilometri nel Mar Mediterraneo. Neil Agius ha nuotato per più di 52 ore consecutive durante la traversata dall'isola italiana di Linosa all'isola maltese di Gozo, che ha raggiunto mercoledì in tarda serata tra gli applausi di amici, familiari e spettatori. Se ratificato, batterà il record mondiale di 124,4 km stabilito da Chloe McCardel nel 2014.

Inizialmente Agius aveva pianificato di nuotare per più di 130 km, ma il mare mosso lo ha costretto a cambiare rotta. Ha fatto una pausa di un minuto per acqua e pasti liquidi ogni 29 minuti, mentre un equipaggio di supporto di 24 membri lo seguiva su una barca. Il suo sforzo è l'ultimo di una serie di maratone di nuoto. Agius ha precedentemente completato nuotate intorno a Gozo (38 km) e Malta (70 km), nonché una nuotata dalla Sicilia a Malta (95 km) in poco più di 28 ore. Agius, 35 anni, è un allenatore di nuoto che ha anche rappresentato Malta alle Olimpiadi di Atene 2004.

Ha iniziato la maratona di nuoto per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'inquinamento marino e una fondazione da lui fondata, chiamata Wave of Change, incoraggia i residenti maltesi a raccogliere sei pezzi di plastica ogni volta che visitano una spiaggia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli