Nuoto: allenatrice Anita Alvarez, 'mi sono tuffata a salvarla perché bagnini non intervenivano'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Budapest, 23 giu. – (Adnkronos) – Le immagini di Anita Alvarez, 25enne statunitense, senza sensi in acqua dopo il suo esercizio di nuoto sincronizzato, hanno scosso il mondo dello sport. Fortunatamente, l'episodio, verificatosi ai Mondiali di Budapest, ha avuto un lieto fine. La sua allenatrice Andrea Fuentes si è tuffata in acqua per portarla in salvo e consegnarla ai sanitari e ora dopo una notte trascorsa in ospedale sta bene.

Fuentes ha commentato quel momento drammatico con la stampa spagnola. "Mi sono tuffata in acqua perché ho visto che nessun bagnino l'ha fatto. Ero un po' spaventata perché non respirava. Quando l'ho vista affondare ho guardato i bagnini, ma ho visto che erano spaventati. Non hanno reagito. Ho pensato, ‘Allora ragazzi?'. Il mio riflesso si attiva velocemente, io sono così, non posso semplicemente guardare. Non l'ho elaborato, mi sono buttata e via. Penso che sia stata l'apnea più pazza e veloce che abbia mai fatto nella mia carriera. L'ho presa e l'ho sollevata, ovviamente era pesante, non è stato facile".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli