Nuova Commissione Ue, già designati 15 membri, ma solo 5 donne -2-

Loc

Bruxelles, 19 lug. (askanews) - Secondo quanto si apprende a Bruxelles, proprio a causa dell'insufficiente rappresentanza femminile finora, un governo che candidi una donna sicuramente non se la vedrà respingere dalla presidente eletta; e potrà anche sperare che sia presa seriamente in considerazione la preferenza eventualmente espressa riguardo al portafogli da assegnare.

Insomma, se il governo italiano vuole essere sicuro che il commissario che designerà per l'Esecutivo di von der Leyen sia accettato, e che sia presa seriamente in considerazione la richiesta di affidargli l'agognata Concorrenza (o il Commercio), allora è meglio che designi una commissaria, una donna, anche se naturalmente dovrà possedere le qualifiche e il background giusti.