Nuova epatite nei bambini, interviene il ministero della Salute: la circolare

·2 minuto per la lettura
Nuova epatite nei bambini, interviene il ministero della Salute: la circolare (Photo by Filippo MONTEFORTE / AFP) (Photo by FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)
Nuova epatite nei bambini, interviene il ministero della Salute: la circolare (Photo by Filippo MONTEFORTE / AFP) (Photo by FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

La nuova epatite nei bambini preoccupa in Italia: con una circolare il Ministero della Salute è intervenuto con le indicazioni dei controlli da effettuare in seguito all'allerta per alcuni casi registrati nelle scorse settimane in Europa e negli Usa, e ora anche in Italia, di epatite di natura sconosciuta.

La nuova circolare, la seconda dopo quella del 14 aprile, chiede a tutte le organizzazioni sanitarie e ai medici di segnalare ogni caso sospetto di epatite di cui non comprendono le cause.

"Si raccomanda, in questa fase, volendo privilegiare sensibilità rispetto a specificità, di valutare ed eventualmente segnalare anche i casi parzialmente rispondenti alla definizione di caso. Si raccomanda altresì di prevedere in ogni caso la conservazione dei campioni biologici per consentire ogni altro eventuale accertamento ritenuto necessario". È quanto si legge nella circolare del ministero della Salute firmata dal direttore alla prevenzione Gianni Rezza, emanata oggi.

VIDEO - Rezza "Indagini approfondite su casi di epatite"

Per quanto riguarda i possibili legami con il vaccino anti Covid, non esiste nessun nesso con i casi di epatite acuta che ha fatto scattare l'allarme in Gb e poi in altri paesi d'Europa e Usa. "Nessuno dei bambini che hanno ricevuto diagnosi di epatite acuta nel Regno Unito nei giorni scorsi era stato vaccinato contro Covid-19" fa sapere in una scheda dedicata alla vicenda l'Ordine dei Medici.

Intanto, al 22 aprile sono giunte in totale 11 segnalazioni che fanno riferimento a pazienti individuati in diverse Regioni italiane (Abruzzo, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Sicilia, Toscana e Veneto), si legge nella circolare del ministero della Salute inviata oggi alle regioni, alle strutture sanitarie e ai medici sui casi di epatiti acuta di natura non conosciuta. Solo due sono confermati e ad uno giudicato "possibile" è stato eseguito un trapianto. Una positività per Adenovirus o per SARS-CoV-2 è stata per ora riportata solo in 2 casi sospetti."Il ruolo degli Adenovirus in queste forme ipotizzato in UK, non è però confermato".

Si tratta, si legge nella circolare, di segnalazioni relative a casi sporadici sparsi sul territorio nazionale. Di questi un paziente non rientra nella definizione di caso (ricoverato prima del gennaio 2022); 2 casi sono in corso di valutazione per possibili ulteriori cause eziologiche; 4 casi sono definibili come "sospetti" (gli esami sono al momento in corso o non definiti); 2 casi definiti come "possibili" (età superiore ai 10 anni); 2 casi "confermati" Diverse Regioni (Campania, Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta, Calabria, Puglia) hanno comunicato di non avere al momento casi da segnalare.

GUARDA ANCHE - Reazioni avverse al vaccino anti Covid-19: cosa dice il nuovo report AIFA?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli