Nuova socialità degli italiani: per 2 su 3 cresce voglia comunità

featured 1648075
featured 1648075

Milano, 14 set. (askanews) – Se c’è una lezione che gli italiani hanno appreso dalla pandemia è che occorre dare un taglio ai ritmi frenetici della vita di città e prendersi tempo per coltivare i rapporti dentro e fuori la famiglia. Il risultato è che questa socialità ritrovata restringe i confini della città a quelli di una comunità dove il senso di appartenenza assume un nuovo significato per due italiani su tre.

Come conferma una ricerca BVA Doxa per Kozel, marchio brassicolo di Birra Peroni, in questi ultimi anni è cambiato il modo di vivere per tre italiani su quattro. Un cambiamento che ha investito le piccole abitudini quotidiane ma che spesso, nel 39% dei casi, ha significato grossi stravolgimenti come il trasferimento in nuove città o un nuovo lavoro.

Il motore di questa trasformazione del vivere urbano assomiglia a quello che anima un piccolo villaggio: quasi un italiano su due parla di collaborazione tra le persone (47%), quasi un terzo ne apprezza l’ospitalità, altrettanti la partecipazione e l’appartenenza a un gruppo nel quale ciascuno è importante per l’altro. E poi ci sono le tradizioni condivise e i luoghi fisici dove incontrarsi, importanti per uno su cinque.

La riscoperta del valore del sostegno reciproco e della collaborazione, si è tradotta in due tendenze, emerse dalla ricerca per Kozel: da una parte legami rafforzati con famiglia e amici (37%), nuove amicizie coi vicini (20%) e rinnovate occasioni di incontro (15%); dall’altra più partecipazione alla vita della comunità (12%) talvolta aiutando i vicini più anziani o facendo donazioni per iniziative solidali (12%). E tutto questo con un effetto positivo sulla vita dei singoli invogliati a cercare alternative migliori e di qualità (42%), ad allargare i propri orizzonti e a sperimentare (40%). Senza contare gli stimoli, per uno su due, per ambizione e autostima.

Proprio questo spirito solidaristico e di comunità ha spinto Birra Peroni a mettersi al servizio del territorio donando parte dei proventi dell’iniziativa del Villaggio Kozel, svoltasi a maggio a Milano, all’associazione iBVA per sostenere “Solidando”, il primo social market milanese dove i più bisognosi possono fare la spesa gratuitamente pagando con una tessera a punti.