Nuova stretta in arrivo

·2 minuto per la lettura
Draghi
Draghi

Il governo Draghi è pronto per una nuova stretta, che arriverà a gennaio. L’ipotesi è che potranno recarsi al lavoro solo i vaccinati e i guariti dal Covid.

Covid, governo Draghi verso una nuova stretta: da gennaio al lavoro solo se vaccinati

Il governo Draghi sta pensando ad una nuova stretta che prevede il Super Green pass per lavorare. Il 5 gennaio è stato convocato un consiglio dei ministri per varare questa nuova stretta e si discuterà anche della possibilità di introdurre l’obbligo vaccinale. Dal 10 gennaio il Green pass rafforzato sarà obbligatorio per i trasporti, i ristoranti e altre attività, anche all’aperto, e cambiano le regole della quarantena, ma non è finita qui, perché ci sono nuove restrizioni all’orizzonte. L’idea di imporre l’obbligo di Super Green pass sul lavoro, come riportato da Repubblica, è stata voluta dal ministro Renato Brunetta, con l’appoggio della Conferenza delle Regioni guidata da Massimiliano Fedriga. Il capodelegazione della Lega al governo e ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, però, è contrario. O meglio, ha precisato che prima di rendere obbligatorio il certificato verde sul lavoro bisogna creare un elenco di categorie da rendere esenti per motivi medici e un fondo per indennizzare chi subisce conseguenze del vaccino.

Covid, governo Draghi verso una nuova stretta: l’obbligo vaccinale

Diversi tentativi di mediazione sono arrivati sul tavolo di Mario Draghi, che sta valutando come procedere. Per esempio, l’idea di rendere il Super Green pass obbligatorio solo per alcune categorie di lavoratori, come quelli della Pubblica Amministrazione o quelli a contatto con il pubblico. Nel decreto approvato nella giornata di ieri, 29 dicembre, non è ancora emerso nulla a riguardo. Una delle ipotesi che valuteranno a gennaio, come riportato da La Stampa, è l’obbligo vaccinale per tutti gli italiani. Mario Draghi potrebbe essersi convinto che questo passo sia diventato necessario. L’obbligo camuffato, con il Green Pass, potrebbe non essere più sufficiente per il governo.

Covid, governo Draghi verso una nuova stretta: la posizione di Enrico Letta

Nel giorno del nuovo decreto Covid, Enrico Letta ha deciso di esporre il proprio parere. Il segretario del Partito Democratico, in un’intervista a Repubblica, ha spiegato di essere a favore dell’obbligo vaccinale. “Sono convinto che l’obbligo aumenterebbe molto i numeri. Tanti non si sono vaccinati non per volontà ideologica ma perché, nel dubbio, di fronte all’assenza di obbligo hanno preferito non farlo. Aggiungo che l’obbligo darebbe sprint alle terze dosi su cui c’è stato un po’ di lassismo, non ho visto la stessa corsa che c’è stata sulle prime due” ha dichiarato Letta. Secondo il segretario Pd l’obbligo vaccinale non porterebbe problemi di natura sociale, anzi, secondo lui le cose peggiorerebbero con un lockdown per non vaccinati. “Lo Stato si deve caricare della responsabilità di questa scelta davanti ai cittadini” ha aggiunto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli