Nuova Zelanda, scandalo sessuale travolge partito di Jacinda Ardern

Bea

Roma, 11 set. (askanews) - Il partito della premier neozelandese Jacinda Ardern è nella bufera dopo che il presidente Nigel Haworth è stato costretto a dimettersi per aver insabbiato denunce di molestie sessuali compiute da un dirigente del partito. Ardern ha annunciato le dimissioni del presidente del partito laburista, due giorni dopo che una volontaria 19enne ha raccontato al sito The Spinoff la violenza sessuale subita a opera del collaboratore di Ardern. La premier sta ora "raccogliendo opinioni" sul posto di lavoro dell'uomo, a cui ha già ritirato il pass parlamentare.

Haworth si è dimesso perchè era a capo di un'indagine interna partito che ha raccolto e insabbiato la denunce mosse di bullismo, molestie e aggressione sessuale da varie dipendenti nei confronti dell'uomo, che al termine dell'indagine è stato prosciolto. Haworth ha sempre sostenuto che durante l'inchiesta anon è mai emerso che il dirigente si sarebbe macchiato di una violenza sessuale.