Nuove aggressioni omofobe a Milano: sfregiato ragazzo di 24 anni

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 28 giu. (askanews) - Un 24enne, barista di un noto locale frequentato dalla comunità Lgbt in zona Porta Venezia, ha denunciato di essere stato sfregiato con un coccio di bottiglia nel corso di un'aggressione omofoba portata a termine da quattro uomini che hanno anche malmenato l'amico che era con lui, alle 4 del mattino di sabato scorso all'angolo tra viale Tunisia e largo Bellintani a Milano. Lo scrive oggi il Corriere della Sera, spiegando anche che la vittima ha spiegato che mentre si trovava in strada a chiacchierare insieme con l'amico e due ragazze, è stato avvicinato dai quattro che hanno iniziato ad insultarli "con pesantissime offese di stampo omofobo accompagnate da minacce", e quando hanno tentato di allontanarsi sono stati inseguiti e bloccati: l'amico è stato colpito con un pugno al volto, mentre il barista è stato aggredito con il coccio di vetro che gli ha tagliato il viso.

Il giovane, medicato con 10 punti di sutura al viso all'ospedale Fatebenefratelli, ha sporto denuncia alla polizia, intervenuta sul posto con una Volante del commissariato Centro, che ora sta svolgendo le indagini insieme con gli investigatori della Digos.

L'aggressione è avvenuta poche ore prima di quella compiuta contro un ragazzino di 12 anni, offeso, minacciato e picchiato con calci e pugni al parco Sempione, mentre si dirigeva alla manifestazione per i diritti Lgbt+ che sabato scorso ha chiuso la settimana del "Pride" del capoluogo lombardo. Ma non sarebbe finito qui. Secondo quanto denunciato da Cig Arcigay Milano infatti, intorno alle 21 di sabato scorso, una coppia di ragazzi omosessuali sarebbe stata pesantemente insultata e malmenata da un uomo mentre percorreva in bicicletta la centralissima via Manzoni. Le vittime avrebbero richiamato l'attenzione dei militari "di una camionetta dell'Esercito che stazionava in piazza Scala e sul posto sono arrivate anche due volanti della polizia". "I ragazzi - si legge sempre nel post pubblicato sulla pagina Facebook di Cig Arcigay Milano - sono usciti poco fa dall'ospedale, uno con un trauma cranico e la faccia tumefatta, l'altro con la mano rotta in quattro punti. Ora sporgeranno denuncia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli