Nuove carte su Hirohito: pensò ad abdicazione fino al '51 -4-

Mos

Roma, 20 ago. (askanews) - Dai documenti di Tajima è anche emersa, nei giorni scorsi, la volontà di Hirohito di esprimere "rimorso" per l'aggressuione giapponse nella seconda guerra mondiale, assumendosi la responsabilità per quanto avvenuto. Ma questo passo, che pure avrebbe consentito uno sviluppo di rapporti futuri più armoniosi coi paesi vicini, fu sconsigliato dal premier Yoshida perché, secondo lui, avrebbe dato l'occasione per sollevare di nuovo la spinosa questione delle responsabilità dell'Imperatore.

Diversamente da molte monarchie, che furono spazzate via dalla sconfitta nella seconda guerra mondiale, e tra queste quella in Italia, la dinastia giapponese prosegue ancora oggi. Sebbene ogni decisione presa dai governi militaristi giapponesi fosse stata presa in nome del Tenno, Hirohito fu considerato non responsabile delle scelte politiche, sulla base dell'assunto che l'Imperatore non avrebbe avuto la possibilità di incidere su quelle decisioni. (Segue)