Nuove conoscenze sulla geologia nascosta sotto il ghiaccio dell'Antartide

Giancarlo Terlizzi
·2 minuto per la lettura

AGI –  Svelati nuovi misteri sulla geologia nascosta sotto le calotte di ghiaccio dell'Antartide e sull'evoluzione tettonica della Terra, avvenute nel corso di miliardi di anni, da un team internazionale di scienziati che sono riusciti a risolvere uno dei puzzle geologici del nostro pianeta grazie all'utilizzo combinato di rilevazioni satellitari e aeree.

Il gruppo di ricerca - di cui fanno parte l'Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale-Ogs di Trieste, il British Antarctic Survey e la Witwatersrand University in Sud Africa, coordinati dall'Università tedesca di Kiel - ha utilizzato i dati magnetici dei satelliti della missione Swarm dell'Esa combinandoli con quelli rilevati dagli aerei, per studiare la geologia subglaciale dell'Antartide e collegarla con quella di Australia, India e Sud Africa, che formavano l'antico supercontinente chiamato Gondwana.

Utilizzando i nuovi dati magnetici è stato possibile ricostruire come le placche tettoniche si siano separate tra loro nel corso di milioni di anni dopo la rottura del Gondwana e correlare i principali cratoni e orogeni, strutture geologiche che compongono la crosta terrestre, nei diversi continenti prima della loro separazione.

 “Da decenni – afferma Fausto Ferraccioli, direttore della Sezione di Geofisica dell'Ogs e rientrato in Italia dopo 18 anni al British Antarctic Survey - cerchiamo di ricostruire i misteriosi legami geologici tra l'Antartide e gli altri continenti. Sapevamo che le rilevazioni magnetiche svolgono un ruolo fondamentale, perché ci permettono di esplorare la geologia nascosta sotto alle spesse calotte glaciali antartiche, ma ora possiamo fare molto meglio. Con la combinazione dei dati satellitari e aeromagnetici, possiamo guardare più in profondità nella crosta. Insieme alle ricostruzioni delle placche tettoniche – precisa - possiamo costruire innovativi modelli magnetici della crosta, collegando tra loro diversi studi geologici e geofisici in continenti oggi separati da immensi oceani. Strutture geologiche antiche, come cratoni e orogeni, in Africa, India, Australia e Antartide orientale sono ora collegati meglio che mai”.

L'Antartide è un ambiente estremo in cui un'enorme calotta di ghiaccio copre la terra sottostante, rendendo la raccolta di informazioni geofisiche impegnativa e costosa. Grazie alla metodologia di combinazione di dati magnetici dei satelliti con le misurazioni aeree, gli scienziati stanno ora aprendo la strada alla comprensione del continente meno accessibile della Terra, come dimostrano i risultati appena pubblicati sulla rivista Nature Scientific Reports. I nuovi dati magnetici, da satellite e da aereo, sono uno strumento prezioso per la comunità scientifica internazionale per studiare la geologia nascosta sotto i ghiacci dell'Antartide e l'influenza che essa ha sulle calotte glaciali sovrastanti.