Nuove grane per Zuckerberg: Meta è un marchio già registrato

·1 minuto per la lettura
Meta
Meta

Nuovi problemi per Mark Zuckerberg: Meta, nuovo nome di Facebook, esiste già come marchio registrato. La proprietaria è la Meta PCs, un’azienda dell’Arizona che ha circa 25 dipendenti e principalmente si occupa della vendita di computer, software e laptop per i gamer. Come riportato dal Guardian, l’azienda ha registrato il marchio Meta a novembre 2020.

Meta è già marchio registrato: “Non sarà venduto per meno di 20 milioni di dollari”

Zack Shutt, uno dei fondatori della Meta PCs, ha dichiarato che “non eravamo al corrente dei piani di Facebook fino alla settimana scorsa e, se ce lo chiederanno, non venderemo il nome per meno di 20 milioni di dollari“, evidenziando come gli “investimenti considerevoli” dell’azienda per costruire il brand rischino di essere annullati.

Meta è già marchio registrato: come Facebook potrebbe aggirare il problema

Secondo Mark P. Mc Kenna, professore di legge dell’Università della California, Facebook potrebbe comunque riuscire ad aggirare il problema, in quanto negli Stati Uniti i diritti su un marchio derivano dal suo utilizzo, non dalla sua registrazione.

Mc Kenna ha spiegato che Mark Zuckerberg potrebbe depositare la domanda per registrare il nome Meta in un “Paese piccolo in cui i database non sono consultabili”, apponendo una data precedente a quella della richiesta di Meta PCs e rivendicare i suoi diritti sul nome tramite tale documento. Questa è un’operazione comune per le grandi società.

Meta è già marchio registrato: la Meta PCs ironizza sui social

La Meta PCs ha comunque ironizzato sull’argomento attraverso i propri canali social. In un video, Zack Shutt annuncia in modo sarcastico che la Meta PCs ha cambiato il proprio nome in Facebook.

Leggi anche: Vito Perillo, chi è il sindaco di origini italiane più anziano degli Usa eletto a 97 anni

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli