Nuove norme Trump mettono a rischio aiuti alimentari per poveri

A24/Pca

New York, 4 dic. (askanews) - L'amministrazione statunitense sta per introdurre misure più rigide per chi richiede l'assistenza alimentare, che potrebbero rendere centinaia di migliaia di persone ineleggibili per il programma. Secondo l'amministrazione Trump, le nuove norme, che entreranno in vigore a partire dal primo aprile 2020, serviranno a ridurre gli sprechi, permettendo al governo di risparmiare miliardi di dollari; inoltre, serviranno a incoraggiare le persone a cercare lavoro, in un periodo in cui il tasso di disoccupazione è vicino ai minimi degli ultimi 50 anni. Secondo il dipartimento dell'Agricoltura, le nuove norme serviranno a risparmiare 12,8 miliardi di dollari in 10 anni, ma avrebbero ripercussioni, secondo il Wall Street Journal, su 1,1 milioni di persone.

Per i democratici e i gruppi a difesa dei diritti civili si tratta di un attacco del presidente Donald Trump ai più poveri; nel 2018, circa 40 milioni di persone hanno avuto accesso ai benefici del programma Supplemental Nutrition Assistance Program (Snap). Secondo uno studio dell'Urban Institute, che ha analizzato gli effetti di queste nuove norme e di altre che Trump vorrebbe introdurre, 3,7 milioni di persone potrebbero essere private degli aiuti federali per acquistare generi alimentari.