I nuovi casi positivi in Italia

·2 minuto per la lettura
coronavirus speranza
coronavirus speranza

Il Ministero della Salute, insieme all’Istituto Superiore di Sanità e le amministrazioni delle singole regioni, ha reso noto il bilancio dei contagi da coronavirus aggiornato a lunedì 27 luglio 2020. Rispetto alla giornata precedente si sono registrati 170 casi positivi, 5 decessi e 147 guarigioni/dimissioni in più.

Coronavirus: bilancio del 27 luglio 2020

Con queste cifre il totale delle persone diagnosticate positive dall’inizio dell’epidemia è salito a 246.286, quello relativo alle vittime a 35.112 e quello delle dimissioni/guarigioni a 198.593. Quanto invece al numero degli attualmente positivi presenti sul suolo nazionale esso ammonta a 12.581.

La stragrande maggioranza degli infetti, pari a 11.796, si trova in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi, 740 sono invece ricoverati e 45 sono intubati in terapia intensiva. Rispetto al giorno precedente il primo dato è aumentato di 5 unità mentre il secondo di 1.

I tamponi effettuati dallo scoppio della pandemia sono 6.586.123 per un totale di 3.942.369 casi testati. Quelli processati nel corso della giornata sono pari a 25.551. Nel complesso le diagnosi positive sono pari allo 0,66% dei test diagnostici giornalieri.

Quanto al dato territoriale, la regione più colpita rimane la Lombardia, che dallo scoppio della pandemia ha registrato 95.955 casi con un incremento giornaliero pari a 34 unità. Seguono poi Piemonte, Emilia-Romagna Veneto Toscana e Liguria che hanno tutte oltre 10 mila contagi.

Le regioni senza casi positivi

Sono cinque le regioni che non hanno registrato alcun caso positivo, ovvero Friuli Venezia-Giulia, Umbria, Sardegna, Calabria e Valle d’Aosta. Sono comunque diverse quelle che hanno riscontrato incrementi minimi compresi tra 1 e 5 unità, tra cui Trentino Alto-Adige (+3), Piemonte (+4), Marche (+2), Puglia (+3), Sicilia (3), Molise (+3) e Basilicata (+1).

Abruzzo e Basilicata comunicano un ricalcolo

L’Abruzzo ha segnalato che i dati relativi a casi testati e tamponi del giorno precedente erano errati. I numeri corretti erano rispettivamente 82.245 (persone testate) e 124.891 (test effettuati), pertanto il reale incremento rispetto al 26 luglio è di 178 casi testati in regione e 264 analisi. La Sardegna ha invece reso noto di aver eliminato due casi positivi relativi all’area di Sassari erroneamente conteggiati due volte e di aver aggiunto un decesso appartenente a quella di Nuoro.