I nuovi casi positivi in Italia

·2 minuto per la lettura
coronavirus bilancio
coronavirus bilancio

Come di consueto il Ministero della Salute, di concerto con l’Istituto Superiore di Sanità e le singole amministrazioni regionali, ha fornito il bilancio dei contagi da coronavirus aggiornato a sabato 19 dicembre 2020. Rispetto alla giornata precedente si sono registrati 16.308 casi positivi (ieri 17.992), 553 decessi (ieri 674) e 23.384 guarigioni/dimissioni in più (ieri 22.272).

Coronavirus: il bilancio del 19 dicembre

Con queste cifre il totale delle persone diagnosticate positive dall’inizio dell’epidemia è salito a 1.938.083, quello relativo alle vittime a 68.447 e quello delle dimissioni/guarigioni a 1.249.470. Quanto invece al numero degli attualmente positivi presenti sul suolo nazionale esso ammonta a 620.166.

La stragrande maggioranza degli infetti, pari a 592.018 si trova in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi, 25.364 sono invece ricoverati e 2.784 sono intubati in terapia intensiva. Gli ingressi del giorno in quest’ultimo reparto sono stati 160 (ieri 208). Rispetto al giorno precedente il dato dei ricoveri è diminuito di 405 unità (ieri di 658) mentre quello delle rianimazioni di 35 (ieri di 36).

I tamponi effettuati dallo scoppio della pandemia sono 24.991.705 per un totale di 14.225.200 casi testati. Quelli processati nel corso della giornata sono pari a 176.185.

tabella coronavirus 19 dicembre
tabella coronavirus 19 dicembre

Quanto al dato territoriale, la regione più colpita rimane la Lombardia, che dallo scoppio della pandemia ha registrato 457.423 casi con un incremento giornaliero pari a 1.944 unità. Il territorio in cui sono stati diagnosticati più positivi è però quello del Veneto che ne ha contati 3.834. Tra le regioni con più di mille casi riscontrati vi sono poi l’Emilia-Romagna (+1.641), il Lazio (+1.410) e la Puglia (+1.382).

Le regioni con meno contagi

Sono soltanto tre i territori che hanno registrato meno di 100 casi positivi. Si tratta di Molise, con un incremento giornaliero pari a 49 unità, la Valle d’Aosta che ne ha contati 23 e la Basilicata con 66 contagi.