Nuovi contagi, la preoccupazione per i numeri di Milano

Lme

Milano, 21 mar. (askanews) - C'è preoccupazione intorno a Milano per i numeri dei contagi da Coronavirus. Sebbene l'assessore Gallera abbia spiegato ieri che il calo dell'ultimo giorno era inferiore a quello delle 24 ore precedenti, in città i tassi di crescita dei positivi al Covid-19 hanno avuto incrementi che hanno raggiunto anche il 20% quotidiano. L'ultimo dato parla di un +12%, ma è chiaro a tutti che un aumento massiccio di casi nella metropoli lombarda sarebbe difficilmente gestibile per il servizio sanitario.

Nella provincia di Milano la corsa del Covid-19, come hanno notato sul Corriere della Sera, ha un incremento del 17%, contro il 22% della settimana precedente, ma si tratta di una decelerazione inferiore alle altre province. In Regione, dove Fontana continua a invocare restrizioni più dure, in accordo forse un po' stizzito da entrambe le parti, ma in sostanza effettivo con il Comune di Beppe Sala (al netto del tema delle aperture domenicali di supermercati e alimentari), si spera che questa crescita sia ancora legata al weekend del 7-8 marzo, quello dei parchi pieni, ma soprattutto della diffusione della bozza di chiusura della Lombardia che ha scatenato un'ondata di fughe e di movimenti che hanno contribuito, quantomeno, al mancato rispetto delle misure di distanziamento sociale già in vigore.