Nuovi criteri per la zona gialla: le regioni a rischio

·1 minuto per la lettura
Nuovi criteri per la zona gialla: le regioni a rischio (Photo by ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)
Nuovi criteri per la zona gialla: le regioni a rischio (Photo by ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Cambiano i parametri del monitoraggio con il quale vengono attribuite le fasce di colore alle regioni, ovvero la zona rossa, arancione e gialla. I criteri, al vaglio del governo e delle regioni, prevedono che si andrà in zona gialla se l’occupazione delle terapie intensive è superiore al 5% dei posti letto a disposizione e se quella dei reparti ordinari supera il 10%. 

GUARDA ANCHE - Covid, i vaccini usati in Italia sono efficaci contro le varianti?

La decisione definitiva verrà presa seguendo il solito schema: prima la riunione della Conferenza delle Regioni, poi mercoledì la Stato-Regioni, quindi la cabina di regia politica a palazzo Chigi e infine il Consiglio dei ministri a cui spetterà la votazione del decreto con i nuovi parametri e i criteri per il Green pass.

In questo contesto, sono cinque le regioni italiane che al momento rischiano di passare dalla zona bianca alla zona gialla: si tratta di Sardegna e Sicilia che hanno un’incidenza al 33.2 e 31, Veneto (26.7), Lazio (24) e Campania (21.7).

Novità anche per quanto riguarda il Green pass, con criteri diversificati in base al numero di dosi ricevute. Con la prima dose, oppure con tampone negativo o certificato di guarigione, si potranno frequentare i ristoranti al chiuso e tutti gli altri luoghi in cui sono previsti protocolli di distanziamento. Nessuna limitazione sarà prevista per i ristoranti all'aperto. Per i luoghi affollati come sale da concerti, palestre oltre a mezzi di trasporto a lunga percorrenza serviranno invece le due dosi di vaccino, quindi il Green pass completo.

GUARDA ANCHE - Covid, l'allarme di Burioni: "Vaccinatevi o..."

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli