Nuovi dettagli sul caso di Denise Pipitone

Denise Pipitone
Denise Pipitone

Denise Pipitone è scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo e nel corso degli anni sono emersi tantissimi dettagli sulla vicenda, su cui non si è ancora fatta chiarezza.

Nuovi dettagli sul caso di Denise Pipitone

Il caso di Denise Pipitone, scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo e mai più ritrovata, è uno di quei casi che tengono da tanti anni l’Italia con il fiato sospeso, in attesa di una soluzione. Piera Maggio, la mamma della piccola Denise, non si è mai arresa e ha sempre continuato a cercare la sua bambina. Nel corso degli anni ci sono state tante segnalazioni e anche diverse persone indagate, ma la piccola non si è mai trovata. Nei mesi scorsi sembrava che il caso avesse finalmente preso la piega giusta, visto che si è parlato tanto di una ragazza che assomigliava a Denise. Purtroppo si è trattato dell’ennesima ipotesi fallita, come in un circolo senza fine. Ma cosa è successo a Denise? Cosa sta succedendo in queste settimane?

Le trasmissioni televisive si occupano del caso da sempre e proprio grazie ai cronisti non si è mai spenta l’attenzione sulla scomparsa di Denise. Ci sono state molte persone indagate e ascoltate dagli inquirenti anche in qualità di persone informate sui fatti, come Maria Angioni, l’ex pm della Procura di Marsala che aveva indagato sul caso. Il 23 dicembre 2021 è iniziato a suo carico un processo per il reato di false informazioni rese al pubblico ministero. La donna è stata accusata di aver fornito informazioni false, o comunque incomplete. L’ex magistrato dovrà spiegare davanti all’autorità giudiziaria per quale motivo collega la sparizione della bambina al traffico telefonico di alcune sim registrato a Mazara del Vallo quel primo settembre. La Angioni ha parlato anche a Quarto Grado, spiegando che secondo lei il rapimento di Denise non è stato un caso, ma una scelta precisa e premeditata. Le sim con cui sono avvenuti questi contatti telefonici sono state acquistate a Terni, per questo l’ex pm è convinta che la piccola sia stata portata in quella città.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli