Nuovi scontri di piazza in Venezuela

Quinta manifestazione in dieci giorni a Caracas, ancora una volta si è assistito a tensioni e violenze. Ai lanci di pietre di alcuni manifestanti, la polizia ha risposto con i lacrimogeni.

L’ondata di proteste è stata lanciata per mobilitare la popolazione, soffocata dalla crisi economica, e chiedere nuove elezioni. Ad alimentare la rabbia, la pena inflitta venerdì a Henrique Capriles, principale rivale del presidente Nicolas Maduro che l’ha battuto per poco alle presidenziali del 2013. Capriles è stato dichiarato ineleggibile per 15 anni.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità