Nuovo attacco Usa in Iraq: drone colpisce convoglio di milizie sciite

attacco-usa-iraq

Nuovo attacco degli Usa in Iraq, dove secondo indiscrezioni degli ultimi minuti un drone dell’esercito americano avrebbe bombardato un convoglio che stava trasportando alcuni esponenti del battaglione Imam Ali, milizia sciita filo iraniana alleata del defunto generale Qasem Soleimani. Per la precisione, nell’attacco avrebbe perso la vita il leader della milizia Shbl al-Zaidi, mentre il suo comandante delle operazioni militari Abu Mahdi al-Muhandis era già morto poche ore prima nello stesso bombardamento in cui perì Soleimani. L’azione è avvenuta nella zona settentrionale di Taji, a pochi chilometri dalla capitale Baghdad.

Nuovo attacco Usa in Iraq

Al momento ne Trump ne la Casa Bianca hanno ancora ufficializzato i presunti attacchi avvenuti poco fa in Iraq ma numerosi reporter internazionali stanno condividendo su Twitter indiscrezioni in merito alla morte del comandante al-Zaidi. Secondo alcuni giornalisti mediorientali infatti, oltre ad al-Zaidi sarebbero morti il fratello del leader militare e altre cinque persone che viaggiavano nel convoglio.

Tuttavia, alcune fonti smentirebbero la morte del miliziano sciita nell’attacco portato avanti dagli Stati Uniti, un corrispondente dell’emittente televisiva Al-Mayadeen affermerebbe infatti che al-Zaidi sarebbe scampato all’attacco e che al momento si troverebbe in Libano, anche se sono voci ancora da confermare.

L’appello di Hezbollah

Nelle scorse ore era giunta inoltre la notizia che la milizia filo iraniana Kata’ib Hezbollah avrebbe lanciato un appello al reclutamento sui propri canali Telegram, al fine di vendicare la morte di Qasem Soleimani. L’appello di Hezbollah sarebbe diretto alla formazione di miliziani da impiegare per operazioni di martirio contro gli americani, rei di aver interferito nella politica interna irachena.