Nuovo Brunetta, socialista eterno

·Business editor L'Huffington Post
·1 minuto per la lettura
Renato Brunetta (Photo: Filippo Attili - us Palazzo ChigANSA)
Renato Brunetta (Photo: Filippo Attili - us Palazzo ChigANSA)

Se chiedete a Renato Brunetta come mai, tornato al governo, è ritornato a essere un socialista, insomma se si sente al tempo stesso ringiovanito e maturato, meno suscettibile, fumantino, polemico, lui - il cronista è arci-sicuro di questa affermazione - risponderà: “Io socialista lo sono sempre stato, socialista liberale”. Perché, orgogliosamente anticomunista, di certo non si faceva un cruccio se, tredici anni fa, ai tempi dei “fannulloni che spesso stanno a sinistra”, i sindacati lo vedevano più a destra di Valletta, il Tremonti anti-mercatista, con un certo sarcastico distacco, lo vedeva come una caricatura, D’Alema come un “energumeno tascabile”.

Per quelle strane tortuosità che rendono la politica italiana la più divertente del mondo, si è rovesciato tutto, partiti, giudici, abitudini, e si è rovesciato anche il rapporto della sinistra con Brunetta, perché forse si è rovesciato anche lui. I soliti pettegoli di Palazzo - e menomale che esistono - raccontano che Orlando lo saluta proprio così: “Compagno Brunetta”. E, in un afflato di complicità, il compagno, figlio di ambulante che si è fatto da solo, tanto preparato quanto tignoso, risponde: “Noi in questo governo siamo la sinistra”. Il Manifesto lo scorso 9 marzo titolava: “Brunetta prova a far pace coi sindacati”. Ed effettivamente il discorso non faceva una piega, proprio se visto da sinistra: “Con la firma di oggi vogliamo mettere le basi per la costruzione di una nuova Italia, partendo dalle intuizioni di Ciampi per avviare un percorso che investa sulle parti sociali”.

La firma, quella del Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale, il documento che certifica la fine della logica punitiva della Pa perché - dice Brunetta - “la ripresa va fondata sulla riqualificazione e il rinnovame...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli