Nuovo Dpcm, Azzolina: "Ho lottato per scuola aperta"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Il valore sociale della scuola è inestimabile: in alcune parti del paese senza scuola non si mangia, non c'é un pasto. La scuola è un servizio assoluto di fondamentale importanza in prospettiva per questo mi sono battuta per tenerla aperta". Lo ha detto la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina intervenuta online a "Formazione e competenze digitali per un Paese più inclusivo e competitivo" nell'ambito del Forum Pa 2020 Restar Italia.

"Abbiamo fatto squadra, era l'unico modo per sopravvivere, siamo riusciti a fare in modo che la scuola non fosse più la Cenerentola del Paese", ha detto ancora Azzolina.

"La scuola - ha sottolineato - è tornata al centro del dibattito nazionale, purtroppo, a causa del lockdown, a volte con toni poco costruttivi, ma l'emegenza è stata ed è per la scuola una grandissima sfida. A marzo ci siamo inventati la didattica a distanza partendo quasi da zero. Sono stati momenti difficili, ma abbiamo sempre pensato che al centro di tutto dovessero esserci gli studenti. Abbiamo messo 7 miliardi e ora ne metteremo altri 3,5 nella legge di bilancio".