Nuovo orrore a Mariupol, su Telegram la foto agghiacciante di cadaveri ammassati in un supermercato

orrore supermercato mariupol
orrore supermercato mariupol

La denuncia di Petro Andriushenko: “I russi stanno accumulando cadaveri di ucraini uccisi in un supermercato”. Nella foto pubblicata dal consigliere del sindaco di Mariupol l’orrore di una massa informe di cadaveri

Mariupol, da supermercato a deposito di cadaveri

L’enorme struttura di un supermerato della zona est di Mariupol, è stato trasformato dall’esercito di Putin in un deposito di cadaveri. A denunciarlo su Telegram il consigliere del sindaco di Mariupol, Petro Andriushenko, citato da Ukriform: “ Nei locali del Schyryi Kum supermarket sul viale Svobody, i russi hanno creato una discarica di corpi dei caduti ucraini riemersi dalle tombe quando hanno cercato di aggiustare le condotte d’acqua e anche cadaveri riesumati”.

L’orrore in una foto

“Li stanno accumulando come se fossero immondizia” ha scritto Andriushenko – molto attivo sui social – postando anche una foto diffusa dal canale Telegram ‘Mariupol Now’.

Nell’immagine si vede tutto l’orrore della guerra, con una massa informe di cadaveri di civili (forse un paio in divisa militare) ammassati uno accanto all’altro ai piedi delle casse del supermercato. Alcuni sono avvolti da coperte, altri hanno il volto graficamente coperto dall’agenzia che ha pubblicato la foto, probabilmente in quanto in avanzato stato di decomposizione.

La mancanza di sepolture dignitose

Dove alcuni mesi fa scorreva la vita quotidiana ora non resta che un teatro di morte dove corpi di esseri umani si mischiano ai grossi sacchi neri della nettezza urbana. A Mariupol non c’è più posto nemmeno per il rispetto della morte.

Per rispetto dei lettori non abbiamo pubblicato la foto in copertina, dove troverete un’immagine di repertorio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli