Nuovo picco dei contagi, la spiegazione di Ippolito

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(AP Photo/Jae C. Hong)
(AP Photo/Jae C. Hong)

C'è stato un nuovo picco di contagi in Italia e per Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto nazionale per le Malattie infettive Spallanzani di Roma, i motivi sono evidenti. "Noi abbiamo riavuto un ‘picchetto’ tra il 30 dicembre e 2 giorni fa - spiega ad Agorà su Rai3 - Abbiamo aumentato del 30% il numero dei positivi e questo è l’effetto della grande riapertura e forse di qualche stravizio natalizio".

GUARDA ANCHE: Oms: “ Situazione allarmante”

I rischi della variante sudafricana sui vaccini

In un'intervista alla Stampa, Ippolito poi promuove i nuovi vaccini anti-Covid, ma avvisa: "La variante sudafricana potrebbe ridurne l’efficacia". E chiarisce l'importanza della campagna vaccinale in corso: "Al momento siamo sicuri che i vaccini proteggono efficacemente dalla malattia, soprattutto in forma grave, e non è poco: questo è anche il motivo per il quale è prioritaria la vaccinazione delle persone più esposte alle forme gravi dell’infezione, come gli anziani e le persone con comorbilità, oltre ovviamente agli operatori sanitari. Se e quanto il vaccino protegga anche dall’infezione lo scopriremo monitorando i dati epidemiologici dei prossimi mesi e anni”.

GUARDA ANCHE: Vaccini, Italia in testa in Ue