Nuovo record per il patrimonio a marzo delle reti dei consulenti finanziari

·2 minuto per la lettura
Nuovo record per il patrimonio a marzo delle reti dei consulenti finanziari
Nuovo record per il patrimonio a marzo delle reti dei consulenti finanziari

Sull’anno la crescita è del 21,5%, trainata dal risparmio gestito che costituisce il 70,7% del portafoglio a 490,4 miliardi di euro. Diminuisce l’incidenza della liquidità

La valorizzazione dei prodotti finanziari e dei servizi di investimenti distribuiti dagli intermediari finanziari mette a segno una crescita del 21,5% su base annua e dei 3,9% rispetto alla fine del 2020. I dati diffusi da Assoreti mettono in evidenza un nuovo record per il patrimonio che tocca quota 694 miliardi di euro a fine marzo.

RISPARMIO GESTITO +24,6%

L’84% del patrimonio è rappresentato dagli strumenti finanziari, gestioni patrimoniali e prodotti assicurativi, che insieme raggiungono un livello di 582,8 miliardi di euro (+25,3% sull’anno e +4,3% su dicembre). Di questi, 490,4 miliardi sono investiti in prodotti del risparmio gestito, che costituisce il 70,7% del portafoglio, in crescita del 24,6% su base annua e del 4,3% su dicembre, mentre 92,4 miliardi sono in strumenti finanziari amministrati, in aumento del 4,3% su fine 2020 e del 29% rispetto a fine marzo 2020.

CRESCE MENO LA LIQUIDITÀ

L’incidenza della liquidità in portafoglio scende al 16%, con una quota pari a 110,8 miliardi di euro (+5,1% sull’anno e +2,1% su dicembre). Leggendo di dati più nel dettaglio, la valorizzazione dei fondi sottoscritti direttamente, risulta pari a 227,1 miliardi di euro, con un incremento del 28,5% sull’anno e raggiunge 73,3 miliardi, con un’incidenza di portafoglio complessiva del 32,7%. La crescita è spinta dalle gestioni collettive aperte domiciliate all’estero, pari a 201,3 miliardi (+30,3% annuo).

GESTIONI INDIVIDUALI +25,9%

La quota raggiunta dalle gestioni individuali (+25,9%) raggiunge 73,3 miliardi, con un’incidenza nel portafoglio del 10,6%. A livello percentuale, l’aumento maggiore è quello registrato dalle gestioni patrimoniali in fondi (gpf) che salgono del 39,3% a 35,2 miliardi. Crescono significativamente anche le gestioni patrimoniali in titoli (+15,6%) che toccano quota 38,1 miliardi.

FOCUS SUL COMPARTO ASSICURATIVO

Il comparto assicurativo/previdenziale vale 190 miliardi di euro, con una crescita del 19,8% sull’anno e un’incidenza in portafoglio del 27,4%. Le polizze unit linked raggiungono 98,6 miliardi (a/a), le polizze multi-ramo 30,8 miliardi (+26,6% a/a), le polizze vita tradizionali 44,3 miliardi, in crescita del 4,3% sull’anno, mentre la componente prettamente previdenziale sale a 16,3 miliardi (+25,8% a/a). Tra i risparmiatori italiani cresce la consapevolezza dell’importanza di affidarsi a un servizio di consulenza di qualità per definire le scelte di investimento, con il fine di veder crescere il patrimonio nel corso del tempo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli