Nuovo rinvio per il contestato disegno di legge Pillon

Filippo Frignani
Nuovo rinvio per il contestatissimo disegno di legge Pillon sull'affido condiviso dei figli delle coppie separate. Confluirà in un testo unificato che conterrà gli altri cinque disegni di legge presentati in Senato e le osservazioni espresse dalle associazioni e dagli esperti durante le oltre cento audizioni svolte nei mesi scorsi.Le modifiche al diritto di famiglia slittano a settembre, dopo il primo stop registrato ad aprile quando anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle Pari opportunità, Vincenzo Spadafora, aveva affermato che il testo non sarebbe mai arrivato in Aula. Esulta il Partito democratico, da sempre contrario alla riforma proposta dall'esponente leghista che ha comunque ricevuto all'unanimità dalla commissione Giustizia l'incarico di redigere il nuovo testo.Un compito che, assicura lo stesso Simone Pillon, lo impegnerà già dalle prossime ore. "Mi metterò al lavoro perché il prima possibile si diano risposte concrete alle famiglie. Voglio fare presto e bene perché le famiglie hanno aspettato fin troppo tempo. Dobbiamo garantire che i bambini delle coppie separate non siano strumentalizzati, non siano utilizzati e possano continuare a passare tempi più che soddisfacenti con i genitori e con i nonni", spiega.Il senatore del Carroccio non è dispiaciuto per lo slittamento della discussione: "Si era prospettata una fase di ostruzionismo che è stata superata con la decisione presa all'unanimità dai gruppi parlamentari. Una decisione responsabile. Non si possono fare steccati ideologici sui diritti dei bambini, le contrapposizioni le faremo su altro. Su questo tema - insiste - mi piacerebbe che si continuasse a lavorare con reciproco rispetto". E a chi gli chiede se il cosiddetto ddl Pillon è definitivamente uscito di scena, risponde: "Non ho mai rivendicato nessuna paternità. Mi interessa che i bambini stiano con i genitori anche dopo le separazioni e che non ci siano strumentalizzazioni dei minori. Mi interessa anche che le persone non siano ridotte alla povertà dopo la separazione. Il mio cognome è mio e non interessa a nessuno...".Sulla questione interviene anche il leader della Lega, Matteo Salvini: occorre "rivedere l'affido condiviso" e il diritto di famiglia", per "rimettere al centro i bambini" che "vanno sempre tutelati quando gli adulti litigano", dice a Bibbiano, il paese del Reggiano al centro dell'inchiesta sulle presunte irregolarità nell'affido di minori.Il rinvio della discussione e il nuovo testo sono accolti con soddisfazione dal Movimento 5 stelle, che già stamattina aveva annunciato il superamento di tutti i ddl depositati. "Il nuovo testo - affermano - sarà presentato quando ci sarà accordo pieno e soddisfacente su tutti i punti. Per noi quel che conta è lavorare a una legge seria e ponderata in ogni dettaglio, stiamo discutendo dei bambini e delle famiglie, della loro serenità e della loro tutela".Il Partito democratico canta vittoria e in vista della discussione di settembre promette di mantenere alta la guardia. "Lo stop è un successo che dobbiamo interamente alla grande manifestazione delle donne, cui il Pd e' stato sempre accanto", afferma la presidente della commissione Femminicidio, Valeria Valente. "Abbiamo chiesto il ritiro della legge leghista contro i diritti delle donne e dei bambini e continueremo a farlo. Ora la discussione riparte da zero. Abbiamo vinto la prima battaglia ma andremo avanti".

Nuovo rinvio per il contestatissimo disegno di legge Pillon sull'affido condiviso dei figli delle coppie separate. Confluirà in un testo unificato che conterrà gli altri cinque disegni di legge presentati in Senato e le osservazioni espresse dalle associazioni e dagli esperti durante le oltre cento audizioni svolte nei mesi scorsi.

Le modifiche al diritto di famiglia slittano a settembre, dopo il primo stop registrato ad aprile quando anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle Pari opportunità, Vincenzo Spadafora, aveva affermato che il testo non sarebbe mai arrivato in Aula. Esulta il Partito democratico, da sempre contrario alla riforma proposta dall'esponente leghista che ha comunque ricevuto all'unanimità dalla commissione Giustizia l'incarico di redigere il nuovo testo.

Un compito che, assicura lo stesso Simone Pillon, lo impegnerà già dalle prossime ore. "Mi metterò al lavoro perché il prima possibile si diano risposte concrete alle famiglie. Voglio fare presto e bene perché le famiglie hanno aspettato fin troppo tempo. Dobbiamo garantire che i bambini delle coppie separate non siano strumentalizzati, non siano utilizzati e possano continuare a passare tempi più che soddisfacenti con i genitori e con i nonni", spiega.

Il senatore del Carroccio non è dispiaciuto per lo slittamento della discussione: "Si era prospettata una fase di ostruzionismo che è stata superata con la decisione presa all'unanimità dai gruppi parlamentari. Una decisione responsabile. Non si possono fare steccati ideologici sui diritti dei bambini, le contrapposizioni le faremo su altro. Su questo tema - insiste - mi piacerebbe che si continuasse a lavorare con reciproco rispetto". E a chi gli chiede se il cosiddetto ddl Pillon è definitivamente uscito di scena, risponde: "Non ho mai rivendicato nessuna paternità. Mi interessa che i bambini stiano con i genitori anche dopo le separazioni e che non ci siano strumentalizzazioni dei minori. Mi interessa anche che le persone non siano ridotte alla povertà dopo la separazione. Il mio cognome è mio e non interessa a nessuno...".

Sulla questione interviene anche il leader della Lega, Matteo Salvini: occorre "rivedere l'affido condiviso" e il diritto di famiglia", per "rimettere al centro i bambini" che "vanno sempre tutelati quando gli adulti litigano", dice a Bibbiano, il paese del Reggiano al centro dell'inchiesta sulle presunte irregolarità nell'affido di minori.

Il rinvio della discussione e il nuovo testo sono accolti con soddisfazione dal Movimento 5 stelle, che già stamattina aveva annunciato il superamento di tutti i ddl depositati. "Il nuovo testo - affermano - sarà presentato quando ci sarà accordo pieno e soddisfacente su tutti i punti. Per noi quel che conta è lavorare a una legge seria e ponderata in ogni dettaglio, stiamo discutendo dei bambini e delle famiglie, della loro serenità e della loro tutela".

Il Partito democratico canta vittoria e in vista della discussione di settembre promette di mantenere alta la guardia. "Lo stop è un successo che dobbiamo interamente alla grande manifestazione delle donne, cui il Pd e' stato sempre accanto", afferma la presidente della commissione Femminicidio, Valeria Valente. "Abbiamo chiesto il ritiro della legge leghista contro i diritti delle donne e dei bambini e continueremo a farlo. Ora la discussione riparte da zero. Abbiamo vinto la prima battaglia ma andremo avanti".