Nuovo San Siro: pronto l'ingresso di Webuild, c'è un segnale. Scaroni: "Nuovo stadio una priorità per il Milan"

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

Milan e Inter lavorano alla costruzione del nuovo stadio, insieme. Il progetto, in condivisione con l’Inter, prevede la realizzazione del nuovo impianto nell’area di San Siro adiacente al Meazza con la costruzione anche di un business park, un hotel e residenze, come ricorda MF-Milano Finanza.

Ieri il presidente del Milan Scaroni ha fatto chiarezza: "Seguo con molto impegno il progetto stadio, perché è un ingrediente fondamentale per l’economia del club. A luglio dello scorso anno è stato presentato progetto. Giunta e consiglio hanno chiesto modifiche e nei prossimi giorni al Comune".

VI-Images/Getty Images
VI-Images/Getty Images

Al momento infatti i contatti risultano essere fermi a luglio, quando appunto è stato presentato il progetto. Ora la partita per lo stadio diventerà una partita politica. A complicare il tutto infatti le elezioni amministrative della prossima primavera, fino a ottobre-novembre 2021 non arriverà il via libera definitivo all’opera. La partita immobiliare è strategica ed inizia ad attrarre interessi. Generali si è già chiamata fuori e Coima resta in attesa di novità. Webuild invece si prepara a scendere in campo: nella sua storia ha realizzato 8 impianti sportivi (fra gli altri San Siro e l'Olimpico di Roma). E nel CdA del Milan è rientrato Massimo Ferrari, general manager di Webuild, tifoso rossonero e membro dell’Associazione dei Piccoli Azionisti del Milan.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A.