Nutrizione artificiale, da Policlinico Messina progetto per Rete regionale assistenza

·3 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 30 ott. (Adnkronos) – "L'obiettivo principale di questo incontro è di portare dei modelli che sono già presenti in altre regioni italiane ed in Europa, nel tentativo di creare un progetto per una rete di ospedali regionale per la nutrizione artificiale in Sicilia". A dirlo il professore Claudio Romano direttore Usod di Gastroenterologia del Policlinico di Messina oggi durante il convegno nazionale per "La nutrizione artificiale: verso nuovi modelli clinici e assistenziali" organizzato insieme ad A.N.N.A., associazione nazionale Nutriti Artificialmente. "Il Policlinico di Messina – spiega ancora Romano -si pone come capofila per questo progetto che dovrà essere realizzato in simbiosi con tutte le altre realtà regionali. La presenza oggi anche se in remoto dell'assessore alla Sanità Ruggero Razza dimostra l'interesse della Regione per sensibilizzare le autorità politiche in questo ambito. Abbiamo iniziato anche una progettualità insieme all'associazione A.N.N.A e con il governo nazionale, in particolare il sottosegretario Pierpaolo Sileri che oltre ad essere medico è molto sensibile a queste patologie. Quindi cerchiamo di evidenziare che la Sicilia c'è e che non è fuori da questi tavoli in cui si organizza l'assistenza domiciliare per pazienti complessi quali sono questi che si devono nutrire artificialmente. Ci sono circa 45 mila pazienti in Italia che non riescono ad alimentarsi per via orale e devono farlo per via artificiale, quindi parliamo anche di pazienti oncologici, geriatrici e altri che hanno maggiori necessità. Oggi nel 2021 si deve fare in modo che non si muoia più di malnutrizione perché purtroppo ancora succede roppo spesso. Oggi vogliamo riuscire a migliorare la qualità di vita ed anche le aspettative di vita di questi pazienti e a gestire bene la loro patologia.

"Servono nuovi modelli clinici e assistenziali, a cominciare dalla de-ospedalizzazione col conseguente trattamento domiciliare direttamente a casa, per i bambini malnutriti e gli adulti affetti da patologie croniche gastrointestinali, neurologiche e oncologiche". La presidente dell'associazione A.N.N.A Alessandra Rivella ribadito l'importanza del progetto sottolineando: "Questo convegno è stato organizzato in Sicilia, perché questa Regione è uno dei territori in cui iniziare a lavorare con la creazione di una rete di nutrizione artificiale. E' davvero una sfida importante ed utile dal punto di vista degli stakeholder della Nutrizione a partire dai pazienti che potranno ottenere un servizio efficiente e diffuso su tutto il territorio. Un servizio utile anche ai clinici che riescono in questo modo a coordinare gli interventi a creare equipe multidisciplinari al servizio dei malati, ma anche per l'economia dell'organizzazione sanitaria perché la buona gestione dei pazienti, che hanno problemi di nutrizione artificiale, garantisce una buona qualità di vita per loro, ma anche un forte risparmio. È dunque un'ottima azione per il servizio sanitario nazionale e regionale secondo noi riuscire a lavorare in sinergia ottenendo una strategia in cui tutti usciamo vincenti riusciamo a costruire veramente una macchina efficiente che tenga in considerazione non solo la patologia o ma la persona prima". Molto soddisfatto il commissario dell'Aou G.Martino del Policlinico di Messina Giampiero Bonaccorsi che ha evidenziato: "E' un' ottima iniziativa, che come altre siamo pronti ad affrontare e supportare dopo il periodo di gestione del Covid. Un ruolo importante per queste delicate patologie è dato dalla sinergia che deve nascere tra ospedale e territorio, che è fondamentale. Stiamo avviando anche percorsi congiunti tra Policlinico e Asp che possono rendere più facile il trattamento di questi malati".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli