NY, la macabra fine di Orsolya Gaal

·1 minuto per la lettura
polizia
polizia

Lo scorso 16 aprile il corpo di una donna, Orsolya Gaal, è stato scoperto all’interno di un borsone. La 51enne era madre di due figli. È stata uccisa è fatta a pezzi. È accaduto a New York. Lo scorso 15 aprile Orsolya aveva detto al figlio minore di 13 anni che stava uscendo per andare a vedere uno spettacolo. La donna non è più tornata a casa. La donna viveva nel Queens, in un’abitazione dal valore di due milioni di dollari. Al momento del delitto il marito e il figlio maggiore di Orsolya non erano a casa, in quanto erano partiti per un viaggio a inizio settimana.

Madre uccisa e fatta a pezzi: l’intervento della polizia

Il cadavere di Orsolya Gaal si trovava all’interno di un borsone da Hockey abbandonato nel sentiero di un parco non molto lontano dalla casa della vittima. È stata una scia di sangue che portava fino all’abitazione di Olga a svelare l’identità del corpo. Intervenuti gli agenti della NYPD, i quali hanno fatto irruzione in casa trovando solamente il figlio 13enne della donna. Interrogato, il giovanissimo è stato in seguito rilasciato poiché ritenuto estraneo ai fatti.

Sarebbe uscita con un altro uomo

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, Orsolya Gaal sarebbe uscita di casa lo scorso 15 aprile in compagnia di un altro uomo. In seguito è stata fatta a pezzi nello scantinato di casa sua. L’assassino avrebbe utilizzato il cellulare della 51enne per inviare il seguente messaggio al marito di Olga: “La tua intera famiglia sarà la prossima”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli