Obbligo mascherine al chiuso, la rabbia del premio Nobel: "Perché toglierlo ora?"

giorgio parisi
giorgio parisi

“Insensato togliere obbligo mascherine al chiuso ora”: questo è il commento del Premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi, riferendosi all’aumento sensibile dei casi covid registrati negli ultimi giorni.

Nobel Parisi: “Insensato togliere mascherine al chiuso ora”

All’ANSA il premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi ha commentato la decisione presa dal governo di togliere l‘obbligo della mascherine al chiuso nei mesi estivi: È assurdo che nell’incontro fra governo e parti sociali si sia ridotto l’obbligo della mascherina: non è sensato ridurre le protezioni sanitarie in un momento in cui l’epidemia di Covid-19 sta aumentando in modo esponenziale“.

Parisi: “La situazione si fa seria”

Nelle ultime due settimane in Italia si registra un aumento preoccupante dei casi covid, nonostante il caldo, secondo le previsioni dovesse attenuare la circolazione del virus.

Per Giorgio Parisi quindi la situazione è più seria del previsto: “L’epidemia di Covid-19 in Italia è entrata in una zona di chiaro aumento esponenziale solido e costante da quasi due settimane, ci troviamo in una situazione seria, nella quale i casi raddoppiano in poco più di dieci giorni e cominciano ad avere effetti anche sui ricoveri, che fra 10 giorni potranno superare i 10.000 nei reparti ordinari, mentre gli ingressi nelle terapie intensive sono raddoppiati rispetto a un mese fa“.

Le disposizioni date dal governo starebbero facilitando la proliferazione del Covid in tutto il Paese, e alla lunga potrebbero subire la pressione maggiore proprio gli ospedali che come afferma il premio Nobel “sono già in una situazione di sofferenza“.