Obbligo vaccinale in Italia, cosa ha detto Locatelli

·1 minuto per la lettura

Obbligo vaccinale in Italia per contrastare la diffusione del coronavirus, può succedere? Sì, ma solo "qualora ve ne fossero le indicazioni e gli estremi". A rispondere parlando di vaccini anti covid, ospite ieri sera a Che tempo che fa, è stato Franco Locatelli, che ha infatti spiegato come sulla campagna vaccinale si sia partiti "con una strategia di convincimento e di persuasione, che ha fatto largamente breccia e ha permeato la coscienza di tanti cittadini. Qualora ve ne fossero le indicazioni e gli estremi - ha continuato- si potrebbe arrivare anche a considerare l'obbligo". Quanto ai dati sulla pandemia in Italia, ha spiegato il presidente del Consiglio superiore di Sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico, "i numeri dicono che non abbiamo pagato un prezzo alle riaperture".

E se la situazione italiana, "è largamente più favorevole rispetto a quella in Gran Bretagna e in Germania in termini di circolazione virale", Locatelli ha però lanciato "un appello a vaccinarsi. E' vero che siamo all'86% di persone coperte con una dose, e all'82% con due dosi, e nella fascia sopra 70 anni andiamo addirittura sopra al 90%. Ma le persone che mancano devono imparare a volersi bene perché vaccinarsi significa volersi bene e soprattutto volere bene agli altri".

Perché gli attuali numeri della pandemia in Italia sono sono frutto del caso ma, ha sottolineato, "di una percentuale più alta di soggetti vaccinati e anche perché c'è stata gradualità nelle riaperture. E poi il mantenimento delle misure non farmacologiche, le mascherine, il lavaggio delle mani, il distanziamento".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli