Obbligo vaccinale over 50, Speranza: “Scelta forte e giusta per alleggerire ospedali”

·1 minuto per la lettura
Covid speranza
Covid speranza

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha commentato l’introduzione dell’obbligo vaccinale per i cittadini over 50 parlando di una scelta forte e giusta che ha l’obiettivo di ridurre l’area dei non vaccinati presenti nel nostro paese. Un’area minoritaria pari al 10% della popolazione con più di 12 anni che però “produce l’occupazione di due terzi dei posti letto in terapia intensiva e della metà dei posti letto in area medica“.

Speranza sull’obbligo vaccinale

Intervistato nel corso del TG1, l’esponente del governo ha evidenziato come la decisione di rendere il vaccino obbligatorio per questa fascia può consentire di alleggerire la pressione sugli ospedali, salvare vite umane e permettere all’Italia di continuare a crescere e ripartire. Oltre al vaccino, ha continuato, per affrontare la partita contro il virus è necessario continuare ad essere rigorosi sui comportamenti individuali.

Abbiamo bisogno di utilizzare sempre le mascherine con grandissima attenzione, soprattutto le più protettive che sono state da poco calmierate dal governo in termini di costo, di rispettare le regole del distanziamento e di evitare contatti che non siano necessari“, ha precisato.

Speranza sull’obbligo vaccinale e il rientro a scuola

Speranza si è espresso anche sulla riapertura delle scuole che il governo ha confermato per lunedì 10 gennaio 2021. “Abbiamo scelto di tutelare il più possibile la scuola come presidio fondamentale per la nostra comunità e quindi l’indirizzo è e resta la didattica in presenza e in sicurezza“, ha affermato sottolineando che i più piccoli non possono essere coloro che pagano il prezzo della nuova fase epidemica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli