Ocean Viking dichiara stato d'emergenza: "Migranti minacciano suicidio"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Dopo sette richieste di assegnazione di un porto sicuro alle autorità marittime competenti nella scorsa settimana e sei tentativi di suicidio in 24 ore da parte di alcuni dei migranti a bordo, il comandante della Ocean Viking ha dichiarato lo stato di emergenza per la nave, informando le autorità italiane.

Tra i migranti ci sono anche 25 minori, dei quali 17 non accompagnati, mentre una delle due donne a bordo è incinta di cinque mesi.

"La situazione a bordo è deteriorata al punto che la sicurezza dei 180 sopravvissuti e dell’equipaggio a bordo non può più essere garantita", spiega Sos Méditerranée.

La decisione è arrivata dopo il "rapido peggioramento della salute mentale" di alcuni dei 180 migranti a bordo, in particolare di un gruppo di 44 persone per cui l’equipaggio ha richiesto un’evacuazione medica nelle prime ore del pomeriggio, senza ricevere risposta positiva. "Le 44 persone per le quali abbiamo richiesto assistenza si trovano in uno stato di acuto disagio mentale - spiegano dalla nave - e hanno espresso l’intenzione di infliggere danni a sé stessi e agli altri, compresi i membri dell’equipaggio". Ad aggravare la situazione c'è anche il peggioramento delle condizioni meteorologiche.

I migranti avrebbero anche espresso l'intenzione di togliersi la vita. Già ieri due uomini sono saltati dalla Ocean Viking e sono stati recuperati da una squadra di soccorso. Altri tre volevano saltare ma sono stati trattenuti dalle altre persone a bordo e dai membri dell’equipaggio di Sos Méditerranée. "Stamattina presto, un uomo ha tentato di impiccarsi e purtroppo altri, come lui, hanno espresso l’intento di suicidarsi", dicono dalla Ong.