Ocean Viking, Italia assegna porto sicuro: è Lampedusa

ocean viking

L’Italia ha assegnato Lampedusa come porto sicuro per l’approdo della Ocean Viking, la nave di Sos Mediterranée e Medici senza frontiere che porta a bordo 82 migranti soccorsi al largo delle coste libiche. Resta ora da valutare se far attraccare la nave direttamente in porto e procedere allo sbarco dei migranti tramite moto vedette della guardia costiera. La situazione si è sbloccata dopo 6 giorni di stallo in cui la nave è rimasta al largo della Sicilia. La notizia è stata data con un tweet di Medici senza Frontiere: “Le autorità italiane hanno appena offerto a Ocean Viking un porto sicuro di sbarco. Dopo sei giorni dal primo soccorso, gli 82 naufraghi a bordo presto sbarcheranno a Lampedusa. Siamo sollevati“.

Ocean Viking, il commento del sindaco

Il sindaco di Lampedusa non ha commentato positivamente la notizia: “La nave Ocean Viking era molto più vicina alle coste siciliane che a Lampedusa. Perché la scelta di assegnare come porto sicuro proprio Lampedusa?” ha detto Salvatore Martello. “Forse il ministro dell’interno – ha proseguito – pensa che i lampedusani siano degli elementi idioti. La cosa non funziona. L’isola non può essere la soluzione di tutti i problemi. Il ministro ha sbagliato indirizzo“.

Salvini: “Eccoli…”

Eccoli…Porti aperti senza limiti” è il commento al veleno del ministro dell’interno Matteo Salvini che su Facebook ha reagito alla decisione dell’Italia di assegnare Lampedusa come porto sicuro alla nave ong Ocean Viking.

L’offerta di Germania e Francia

Nella giornata di venerdì, Germania e Francia avevano comunicato di essere pronte ad accogliere il 25% dei migranti che sbarcano in Italia. La decisione è stata considerata un passo avanti nella creazione del “meccanismo temporaneo” di ripartizione cui la Commissione europea sta lavorando con il nuovo governo Conte. In questo momento sono coinvolte Italia, Francia, Germania e Malta, ma a queste dovrebbero aggiungersi altri paesi. “La nostra aspettativa – ha spiegato il ministro dell’interno tedesco – è che altri Stati si aggiungano“.