Ocean Viking, Msf: gruppo paesi Ue si è fatto avanti per soluzione

Gtu

Roma, 23 ago. (askanews) - Dopo 14 giorni di stallo, la Ocean Viking sbarcherà a Malta i 356 naufraghi soccorsi. Un gruppo di paesi europei - spiega Medici senza frontiere - "si è fatto avanti per offrire una soluzione più umana e Malta ha offerto alla nave un porto sicuro".

Lo sbarco dovrebbe avvenire nella giornata di oggi. La nave, gestita da Msf e Sos Mediterranee - farà poi uno scalo tecnico per i rifornimenti e il cambio di equipaggio, "per ripartire quanto prima verso nuove operazioni di soccorso". I naufraghi della Ocean Viking saranno poi ricollocati in diversi paesi europei - come ha spiegato il primo ministro maltese Joseph Muscat - ovvero Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo e Romania.

Msf "è sollevata per la soluzione, ma ribadisce che governi europei devono porre definitivamente fine a stalli prolungati e meschine negoziazioni caso per caso, per instaurare subito un meccanismo di sbarco predeterminato. Le persone che abbiamo a bordo sono fuggite da condizioni disperate e hanno subito orribili abusi in Libia. Mentre la Ocean Viking e la Open Arms erano bloccate in mare ci sono stati altri tragici naufragi. Gli Stati europei devono riconsiderare seriamente il loro ruolo in tutto questo".