Ocse-Pisa, De Cristofaro (Miur): servono cambiamenti e risorse

Red/Sav

Roma, 3 dic. (askanews) - "I risultati dell'indagine triennale dell'Ocse Pisa (Programme for International Student Assessment), svolta su alunni quindicenni di tutto il mondo, deve rappresentare per la scuola italiana lo stimolo a cambiamenti sempre più urgenti". Lo afferma il sottosegretario all'istruzione Peppe De Cristofaro, commentando i dati dell'ultimo rapporto Ocse Pisa.

"Il messaggio che arriva - prosegue il sottosegretario - è la necessità di interventi e di comportamenti per ridurre gli squilibri che ancora attraversano la nostra società, a partire dalla scuola. Diseguaglianze di genere, di area territoriale, di indirizzo di studi che permangono nella loro insostenibilità. Di più, nel constatare il discreto andamento dei nostri studenti nelle discipline matematiche, appare particolarmente preoccupante il ritardo in letteratura e scienze, proprio le discipline che hanno reso unica la storia del nostro Paese."

"E' necessario ed urgente - conclude De Cristofaro - realizzare politiche capaci di appassionare alla cultura."