Odifreddi: troppi virolgi in Tv fanno crollare fiducia in Scienza

Cro-Bla

Roma, 8 giu. (askanews) - L'esposizione mediatica in Tv e sui social dei virologi, nel corso dell'emergenza coronavirus ,ha fatto crollare la fiducia dell'opinione pubblica sulla Scienza. Lo afferma Piergiorgio Odifreddi, matematico, saggista e accademico italiano, in un editoriale su 'La Stampa'.

"Alle decine di migliaia di vittime reali che il coronavirus ha mietuto in Italia, purtroppo bisogna aggiungerne un'altra ideale: l'immagine della Scienza (con la maiuscola), che grazie agli interventi mediatici di alcuni virologi, epidemiologi e immunologi (con la minuscola) ha subto un grave colpo alla propria credibilit", scrive Odifreddi.

La saga si aperta con il professor Roberto Burioni, che "il 2 febbraio a 'Che tempo che fa', afferm che 'in Italia il rischio di un'epidemia di Covid era zero, a causa delle precauzioni prese'" e si conclusa con il dottor Alberto Zangrillo che "il 31 maggio a Mezz'ora in pi, ha annunciato unilateralmente che 'il virus clinicamente non esiste pi'".

Nel mezzo, ricorda Odifreddi, " intervenuto un agguerrito drappello di medici, alcuni ospiti fissi di trasmissioni quali 'Che tempo che fa' o 'Di marted', e altri ospiti sporadici dei pi svariati programmi: da Ilaria Capua, a Matteo Bassetti, a Maria Rita Gismondi. E tutti si sono distinti per essere spesso in contrasto non solo con s stessi e con gli altri, ma soprattutto con le dichiarazioni ufficiali dell'Oms e del Comitato Tecnico-Scientifico del governo italiano".

"Della cacofonia che i medici hanno incautamente offerto al pubblico televisivo e giornalistico, gi scientificamente impreparato di suo, si sono oggettivamente avvantaggiati i negazionisti scientifici: gli stessi che Burioni aveva in mente di contrastare nella sua sacrosanta crociata scientifico-mediatica, quando scese giustamente in campo contro i no-vax, commettendo per il madornale errore di credere di poterli combattere scendendo al livello dei loro sguaiati mezzi, dalle opinioni urlate agli insulti gratuiti, invece che con il pacato metodo scientifico, dallo snocciolamento dei fatti alle discussioni ragionate", prosegue Odifreddi.

Il risultato, secondo il matematico, che "ora molti dei nomi citati sono diventati, volenti o nolenti, i testimonial d'eccezione dei complottisti di ogni genere" e che "anche chi magari complottista non , ma antiscientifico o poco scientifico comunque s, ha finito con il non ritenere che le misure di contenimento della pandemia dovessero essere seguite ed eseguite scrupolosamente, con la scusa che in fondo 'nemmeno loro sanno cosa fare'".