##Offensiva turca nel Nord siriano, quali scenari per i curdi? -3-

Fth

Roma, 31 ott. (askanews) - Tutto è iniziato il 7 ottobre 2019. Con un tweet, Trump annuncia il ritiro dei soldati americani dalla Siria: "È tempo di riportare a casa i ragazzi da quelle guerre lontane e inutili". La risposta del presidente turco Recep Tayyip Erdogan a quello che, a tutti gli effetti, è un via libera di Washington non si fa attendere. A 48 ore dall'annuncio di Trump, carri armati e blindati turchi varcano il confine e si dirigono verso le cittadine di Ras al-Ain e Tel Abyad. Ha inizio l'operazione battezzata "Fonte di pace". Gli obiettivi dichiarati dell'operazione militare sono due: il primo vuole "ripulire" il grande settore di Rojava dalle forze curde; il secondo , è quello di creare una "fascia di sicurezza" lungo il confine, in cui insediare i circa tre milioni di profughi siriani, di etnia araba, attualmente ammassati in territorio turco. Una fascia di terreno di 32 x 430 chilometri, pari a 13.760 chilometri quadrati, in corrispondenza del settore del Rojava a maggiore densità insediativa.(Segue)