Offeso su WhatsApp per scarse doti calcistiche: va in campo e spara

offeso su WhatsApp spara

Un 40enne è ricoverato in prognosi riservata alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno dopo essere stato colpito all’addome da un colpo di pistola. Non era lui il bersaglio del 48enne che ha aperto il fuoco, già noto alle forze dell’ordine per reati comuni. L’aggressore infatti era uscito di casa con l’arma in pugno per vendicarsi di un’offesa che aveva ricevuto via WhatsApp.

Offeso su WhatsApp

Il dramma è infatti maturato all’interno di una chat creata da un gruppo di calcetto di San Cipriano d’Aversa, in provincia di Caserta. In base alle prime ricostruzioni, il 48enne aveva ricevuto delle critiche per le sue doti calcistiche.

Giudizi che a quanto pare l’uomo ha mal digerito, ritenendole vere e proprie offese. Il 48enne ha quindi deciso di uscire di casa per recarsi al campo di calcetto dove stava giocando l’autore dei commenti poco graditi, non prima di aver preso con sé una pistola.

Spara all’uomo sbagliato

Una volta raggiunto il campo tra i due deve essere scoppiato un litigio, al termine del quale il 48enne ha aperto il fuoco. Il proiettile però non ha raggiunto il bersaglio sperato. Invece che colpire colui che aveva usato la chat di WhatsApp per dileggiare il calciatore a suo giudizio poco dotato, il 48enne ha ferito un uomo che si era avvicinato per fare da paciere.

Il 40enne è stato subito soccorso e trasportato in ospedale, ma a causa della lesione all’addome rimane ricoverato in prognosi riservata. Il 48enne è stato invece arrestato dai carabinieri per tentato omicidio. Attesa la decisione del Gip del tribunale di Napoli Nord sulla conferma o meno del fermo. Nel frattempo i militari sequestrato la pistola usata, scoprendo che è una calibro 7.65 con matricola abrasa.