Oggi è la giornata delle Parlamentarie M5S

M5S
M5S

Oggi, martedì 16 agosto, è la giornata delle Parlamentarie del Movimento 5 Stelle. Si potrà votare dalle 10 alle 22, online, per scegliere i componenti delle liste elettorali, in vista del 25 settembre.

Parlamentarie M5S con il listino di Conte: si vota oggi fino alle 22

Al via le Parlamentarie del Movimento 5 Stelle. Si vota nella giornata di oggi, 16 agosto, dalle 10 alle 22, per scegliere i componenti delle liste elettorali in vista delle elezioni del 25 settembre. Presente il leader Giuseppe Conte, che punta al collegio della Camera Lazio 1. Gli iscritti voteranno anche un “listino” di 15 nomi. “La proposta sarà sottoposta alla consultazione in rete degli iscritti, che potranno esprimere un parere favorevole o contrario, affinché possano essere inseriti, con criterio di priorità, nelle liste di candidati in uno o più collegi plurinominali” si legge sul sito del M5S.

Nel listino di Conte compaiono esponenti della società civile, come i magistrati antimafia Federico Cafiero de Raho e Roberto Scarpinato, l’ex ministro dell’Ambiente Sergio Costa e anche il professor Livio De Santoli, esperto di energia. Presente anche Alfredo Colucci, notaio del Movimento, e molti altri nomi, come Chiara Appendino, ex sindaca di Torino, Maria Domenica Castellone, capogruppo al Senato, la sottosegretaria Barbara Floridia, Ettore Licheri, ex capogruppo al Senato, il ministro Stefano Pautanelli, il componente del direttivo Francesco Silvestri, e i vicepresidenti Riccardo Ricciardi, Michele Gubitosa, Mario Turco e Alessandro Todde.

Le polemiche

Il metodo della lista ristretta ha suscitato diverse polemiche. L’ex ministro Danilo Toninelli ha invitato gli iscritti a votare “quelli che ritenete possano essere i migliori, quelli che vi possono rappresentare meglio“. Ha anche accusato Giuseppe Conte di fare candidature “a sua immagine e somiglianza”, per rimanere circondato dalle persone che gli sono più vicine. La deputata Azzurra Cancellieri, invece, l’ha definita “una regola incomprensibile e pericolosa che si sostanzia in un atteggiamento elitario che rischia di innescare l’ennesima spaccatura“.