Oggi Draghi da Biden alla Casa Bianca, focus su armi e sanzioni

Image from askanews web site
Image from askanews web site

(dall'inviato Alberto Ferrarese)

Washington, 10 mag. (askanews) - La visita di Mario Draghi alla Casa Bianca era attesa da tempo e, dopo un anno di mandato da premier, arriva in uno dei momenti più difficili per l'Europa e la Nato. Il presidente del consiglio atterrerà a Washington questa mattina per l'incontro con Joe Biden: i due si sono visti più volte, a Roma e a Bruxelles, ma mai in "casa" del presidente americano. L'incontro è previsto alle 14 ora locale, le 20 in Italia.

Al centro del confronto, naturalmente, ci saranno la crisi in Ucraina e la linea della fermezza adottata nei confronti della Russia. Si parlerà, dunque, sottolineano fonti italiane, del "coordinamento", già "costante", con gli alleati sulle misure a sostegno del popolo ucraino e di contrasto all'aggressione di Mosca. Già nei giorni scorsi, del resto, Draghi aveva avuto una video conferenza con lo stesso Biden, il presidente francese Macron, il cancelliere tedesco Scholz, il Primo Ministro britannico Johnson, il Primo Ministro canadese Trudeau, il premier giapponese Kishida, il presidente del consiglio europeo Michels e la presidente della commissione Ursula von der Leyen, con la partecipazione del presidente ucraino Zelensky. Un incontro, caduto nell'anniversario della fine della seconda guerra mondiale, nel quale il leader hanno riaffermato l'unità dei paesi G7 nel condannare l'aggressione "ingiustificata" da parte della federazione russa nei confronti dell'Ucraina che ha "riportato Europa agli orrori del secondo conflitto mondiale". I leader hanno condiviso la "preoccupazione"per il prolungarsi delle ostilità e la necessità di mantenere alta attraverso le sanzioni la pressione sul Cremlino.

Nell'incontro alla Casa Bianca Biden potrebbe chiedere proprio uno sforzo ulteriore sia dal punto di vista delle sanzioni che per quanto riguarda la fornitura di armi. Da parte sua il presidente del consiglio ribadirà, come fa sempre, l'importanza di uno stretto coordinamento per sostenere l'Ucraina e perseguire la pace promuovendo un immediato cessate il fuoco e negoziati credibili. "Dobbiamo continuare a sostenere l'Ucraina - ha detto ieri Draghi - e dobbiamo andare avanti con il sesto pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia. Allo stesso tempo dobbiamo fare ogni sforzo per aiutare a raggiungere quanto prima il cessate il fuoco e per dare il nuovo slancio ai negoziati di pace. Il nostro impegno e la nostra unità sono essenziali".

Draghi porrà con Biden anche il tema della cooperazione in materia di sicurezza energetica, digitale, alimentare per la lotta al cambiamento climatico e l'incontro potrà fornire l'occasione per uno scambio di vedute sulle sfide globali di interesse comune e sui preparativi dei vertici G7 e Nato in programma giugno.

A Washington oltre a incontrare Biden Draghi sarà mercoledì a Capitol Hill per un incontro bipartisan con la leadership del Congresso e con la speaker Nancy Pelosi che ha già incontrato lo scorso ottobre a Roma. In giornata ci sarà anche un incontro con la stampa organizzato all'ambasciata italiana. Infine mercoledì sera l'Atlantic Council conferirà al presidente del Consiglio il Distinguished leadership award 2022. Il premio sarà consegnato dal segretario americano al tesoro Janet Yellen.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli