Oggi Giornata Mondiale Ambiente, ONU: sforzi insufficienti

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 5 giu. (askanews) - La Giornata mondiale dell'ambiente 2022 segna i 50 anni dalla storica Conferenza delle Nazioni Unite sull'ambiente umano. È un'occasione per celebrare i progressi dell'azione ambientale globale e fare il punto su ciò che deve ancora essere fatto per raggiungere "un pianeta sano per la prosperità di tutti". E' quanto sottolinea l'Onu nel celebrare la Giornata mondiale 2022. Dall'inizio della pandemia COVID-19, i governi di tutto il mondo si sono impegnati in diversi tipi di "ripresa verde". Negli ultimi 18 mesi, le principali economie mondiali hanno stanziato oltre 20.000 miliardi di dollari in investimenti per la ripresa COVID-19, destinati a riavviare le economie e ad affrontare le cause alla radice delle crisi climatiche e naturali.

Ma ad oggi, questi sforzi rimangono insufficienti - evidenzia l'Organizzazione delle Nazioni Unite - . Un'analisi della spesa di 50 economie leader, condotta dall'Economic Recovery Project di Oxford e dal Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP), rileva che solo 368 miliardi di dollari su 14,6 trilioni - il 18% - della spesa annunciata per la ripresa sono "verdi".

Tuttavia, le minacce che derivano dal mancato investimento nella ripresa verde includono il peggioramento della salute umana, l'aumento dell'insicurezza alimentare e l'aumento della frequenza dei disastri. Si prevede che il solo cambiamento climatico - al di là dell'effetto dell'inquinamento o delle malattie zoonotiche - avrà effetti significativi sulla mortalità entro il 2100. L'inquinamento atmosferico è già il principale rischio ambientale per la salute, con circa 8 milioni di morti premature all'anno.

Oggi, milioni di persone sono esposte a una grave insicurezza alimentare e idrica in Africa, Asia, America centrale e meridionale e nei piccoli Stati insulari in via di sviluppo. Entro il 2050, più di 216 milioni di persone dovranno affrontare lo sfollamento all'interno dei propri Paesi, con la quota maggiore nell'Africa subsahariana, nell'Asia orientale e nel Pacifico.

Per proteggere l'umanità, è imperativo andare oltre gli sforzi frammentari per affrontare i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità, i conflitti, le crisi dei rifugiati e le pandemie, verso un'attenzione permanente e universale a questi problemi che non lasci indietro nessuno. Il nostro futuro dipende da questo.

L'approccio del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP) alla ripresa verde si basa sul legame inestricabile tra i mezzi di sussistenza delle persone, il loro benessere e la salute del pianeta. Una ripresa verde deve portare a un cambiamento trasformativo, in cui i sistemi socioeconomici e ambientali interagiscono per combattere la triplice crisi planetaria del cambiamento climatico, della perdita di biodiversità e dell'inquinamento senza compromessi. I cambiamenti includono il riutilizzo dei sussidi ai combustibili fossili, la fornitura di energia pulita a un maggior numero di persone, la massimizzazione delle soluzioni basate sulla natura e il riutilizzo invece dell'uso di materie prime per i prodotti.

La natura interconnessa delle sfide da affrontare attraverso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) richiede sforzi nazionali concertati e integrati per trovare soluzioni che vadano a beneficio delle persone e del pianeta e che non vadano a scapito dell'economia. Ad esempio, gli sforzi per decarbonizzare le economie devono anche aumentare la crescita economica, le opportunità di lavoro e l'uguaglianza e non ridurle. Le ricerche dimostrano che investire nella ripresa verde - dall'accesso all'elettricità da fonti rinnovabili all'aumento della superficie forestale - può ridurre la povertà estrema del 15% rispetto a uno scenario di base pre-COVID.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli