Oggi Giornata Vista: a rischio per oltre 3 milioni di italiani

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 ott. (askanews) - Le malattie che minacciano la vista toccano oltre tre milioni di persone in Italia e molte di più sono a rischio perché Glaucoma, Retinopatia diabetica e Maculopatia crescono assieme all'età e alle malattie croniche. La maggior parte delle malattie che minacciano la vista è asintomatica negli stadi iniziali - ovvero danneggia le cellule nervose in maniera silenziosa. Per esempio, circa il 50 percento di oltre un milione e 200 mila pazienti con glaucoma, non sa di averlo. Va detto con forza che quasi ogni malattia può essere curata o arginata se diagnosticata in tempo dai medici oftalmologi attraverso visite periodiche.

La situazione in Italia però non è favorevole. Per Mario Barbuto, Presidente di IAPB Italia Onlus e dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti "il rischio delle malattie che causano cecità cresce per una convergenza di fattori: l'invecchiamento della popolazione, la diminuzione nelle possibilità di accesso ai servizi oculistici pubblici, la mancanza di una cultura radicata di prevenzione che sappia promuovere visite periodiche presso i medici Oculisti. Su queste condizioni da tempo in essere, è calato ora anche l'effetto negativo della pandemia che ha ridotto di un terzo nel 2020 il numero di controlli specialistici con circa 400 mila interventi in meno. Per questo occorre riattivare gli investimenti pubblici nell'assistenza oculistica e sensibilizzare istituzioni e cittadinanza sulla necessità assoluta delle visite periodiche secondo il calendario proposto dalla Società Oftalmologica Italiana: alla nascita, entro i 3 anni, a 12 anni, una volta ogni 2 anni per gli over 40 e una volta l'anno per le persone oltre i 60".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli