Oggi presentazione del Primo Premio nazionale "Alessandro Narducci"

Dmo/Red

Roma, 24 gen. (askanews) - Verrà presentato oggi all'Istituto alberghiero "Tor Carbone" di Roma il primo "Premio Nazionale Alessandro Narducci". Un premio che nasce dalla volontà dei genitori del giovanissimo chef stellato, morto in un incidente stradale il 22 giugno del 2018, insieme alla sua collaboratrice Giulia Puleio. Due le borse di studio in palio per altrettanti vincitori che verranno selezionati tra gli studenti degli ultimi anni degli istituti alberghieri di tutta Italia e premiati a maggio.

Per il migliore studente del corso di Enogastronomia, in palio una borsa di studio annuale per un corso professionale da cuoco presso la "Chef Master School" di Sandro Masci, una targa premio e una giacca da chef. Per il miglior studente nel settore Prodotti dolciari, una borsa di studio nella scuola "A tavola con lo chef", che prevede un corso da pasticciere di 550 ore della durata di sei mesi.

Il duplice obiettivo del concorso è quello di mettere in luce il talento dei più giovani con la dignità della professione. Il concorso si prefigge di diventare un appuntamento a cadenza annuale in memoria dello chef Alessandro Narducci, allievo di Heinz Beck e poi chef del ristorante Acquolina, dove aveva conquistato la stella Michelin.

La Giuria è presieduta dalla professoressa Cristina Tonelli (Dirigente dell'Istituto "Tor Carbone") e dal docente referente del progetto, il professore Luciano Spartaco Di Carlo e sarà composta dai coniugi Alessandra Gerace e Maurizio Narducci, nonché da chef di fama nazionale e internazionale, sommellier professionisti, giornalisti enogastronomi, rappresentanti dell'Assocamera e da esperti del settore.